Trump al briefing afferma che la crisi di Covid "probabilmente purtroppo peggiorerà prima che migliori"

Trump al briefing afferma che la crisi di Covid “probabilmente purtroppo peggiorerà prima che migliori”

L’apparizione del presidente nel tardo pomeriggio nella sala riunioni della Casa Bianca è stata progettata per proiettare un ruolo più importante per Trump, che è stato in gran parte assente nel discutere la crisi sanitaria che sta devastando il paese e ha visto il suo numero di sondaggi precipitare di conseguenza.

In una conferenza stampa che è durata circa 30 minuti, Trump ha nuovamente affermato di credere che il virus sarebbe scomparso e ha insistito sul fatto che la risposta americana alla pandemia fosse “molto meglio” che in altri luoghi.

Ma ha anche offerto proiezioni più realistiche che i suoi consiglieri sperano di fargli apparire come un leader sobrio.

“Sfortunatamente probabilmente peggiorerà prima che migliori”, ha detto Trump – facendo eco a una previsione che ha fatto all’inizio di aprile di un “duro” due settimane prima.

E ha continuato a offrire il tardivo incoraggiamento a indossare le maschere, ad un certo punto tirando fuori la sua copertina blu navy e sostenendo che non aveva problemi a indossarlo (anche se non lo ha fatto durante il briefing).

“Che ti piaccia o meno la maschera, hanno un impatto”, ha detto, aggiungendo in seguito: “Mi sto abituando alla maschera”.

Trump è apparso dal podio da solo, non accompagnato da nessuno degli esperti di salute che compongono la task force coronavirus della Casa Bianca. Circa un’ora prima che Trump passasse davanti alle telecamere, il Dr. Anthony Fauci ha dichiarato alla CNN di non essere stato invitato a partecipare.

Una persona che ha familiarità con la questione ha detto che Fauci inizialmente si aspettava di apparire alla conferenza stampa. Ma gli aiutanti della Casa Bianca hanno segnalato lunedì e martedì che è improbabile che i resoconti delle riunioni presidenziali includano funzionari dell’amministrazione.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Alla domanda sul perché, Trump ha insistito martedì che un altro degli esperti della task force sul coronavirus della Casa Bianca, il dottor Deborah Birx, stava ascoltando “proprio fuori”.

Nel riportare le conferenze stampa, Trump e i suoi aiutanti sperano di evitare le esplosioni arrabbiate e le tangenti tortuosità che sono diventate il segno distintivo del loro primo giro prima nella pandemia.

Martedì non sono stati in grado di evitare completamente le sfortunate distrazioni; ha chiesto di Ghislaine Maxwell – che è accusato di reclutare, governare e infine abusare di minori sessualmente – Trump ha detto di aver “desiderato il suo bene” e ha ricordato di aver incontrato lei e il suo partner Jeffrey Epstein a Palm Beach.

Trump ha anche contraddetto il suo segretario stampa Kayleigh McEnany, che ha detto ai giornalisti durante il suo briefing all’inizio della giornata che Trump a volte viene testato per il coronavirus più volte al giorno.

“Non ne so più di uno”, ha detto Trump. “Probabilmente eseguo in media un test ogni due giorni, tre giorni, e non so di quando ne ho presi due in un giorno, ma ho potuto vedere che stava succedendo”.

Tuttavia, la sua conferenza stampa ha soddisfatto le aspettative degli aiutanti per la lunghezza, arrivando molto più breve di alcune delle sue precedenti incursioni che si sono protratte per quasi due ore.

E Trump ha offerto solo un lampo di risentimento su come la sua risposta è stata coperta, a differenza delle sessioni della primavera che sono state per lo più piene di lamentele sui media.

“Se guardi la televisione americana, pensi che gli Stati Uniti fossero l’unico paese coinvolto e affetto dal virus cinese”, ha detto Trump. “Bene, il mondo sta soffrendo molto.”

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Resta da vedere se Trump manterrà il tono relativamente sobrio che ha stabilito martedì, e restano poche indicazioni sul fatto che una strategia nazionale più solida per combattere il virus fosse in arrivo.

Prima di martedì, Trump aveva ampiamente adottato una strategia per ignorare la pandemia in pubblico. Non aveva organizzato un evento specificamente correlato al virus da più di due settimane.

Ciò ha portato a un grave calo della sua posizione politica mentre gli americani si inacidivano per la sua gestione della pandemia. I consiglieri politici del Presidente lo avvertirono che il suo approccio alla crisi sanitaria lo stava danneggiando gravemente.

Quindi lunedì Trump ha annunciato che avrebbe ripreso i briefing pubblici regolari dopo averli interrotti in aprile e dichiarandoli una perdita di tempo. Trump dovrebbe tenere i briefing alcune volte alla settimana, ma non su base giornaliera come all’inizio di quest’anno.

Rimane una divisione interna sul fatto che sia saggio per Trump salire sul palco e discutere del virus in un ambiente di alto profilo come una conferenza stampa della Casa Bianca.

Alcuni aiutanti hanno ricordato ad altri quanto hanno combattuto duramente per convincere Trump a porre fine ai briefing in aprile quando ha suggerito che la luce solare e l’assunzione di disinfettanti potrebbero aiutare a curare il coronavirus.

Gli aiutanti hanno discusso per settimane riportando i briefing di Trump – sebbene lo stesso Presidente non fosse del tutto convinto che riprenderli fosse una buona idea, hanno detto persone che hanno familiarità con le discussioni.

Trump ha insistito sul fatto che l’uso della sua piattaforma per concentrarsi esclusivamente sul coronavirus sarebbe un errore e potrebbe segnalare al paese che la sua risposta finora non è riuscita. Ma i migliori alleati – tra cui il vicepresidente Mike Pence, il suo compagno di golf del fine settimana Sen. Lindsey Graham della Carolina del Sud e il consigliere della Casa Bianca Kellyanne Conway – gli hanno detto che non apparire di fronte al problema era la radice dei suoi guai politici.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Per convincerlo, gli aiutanti hanno sviluppato un compromesso: i suoi briefing potrebbero coprire una serie di argomenti, non solo la pandemia.

Alcuni nell’ufficio di comunicazione della Casa Bianca hanno spinto affinché si svolgessero le riunioni informative in contesti fuori dalla Casa Bianca, come presso la sede delle agenzie sanitarie, per mantenerle più concentrate. Ma martedì è tornato nella sua ambientazione familiare: la sala riunioni di James Brady.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi martedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *