Canadian Prime Minister Justin Trudeau in Parliament on Thursday, June 18, 2020.

Trudeau attacca la detenzione “politica” della Cina di due canadesi, mentre vengono pubblicate le lettere del carcere inviate da Pechino

Trudeau parlava giorni dopo che Michael Kovrig e Michael Spavor erano stati ufficialmente accusati di spionaggio e gestione dei segreti di stato. I due uomini sono stati arrestati per la prima volta alla fine del 2018 nelle settimane successive all’arresto a Vancouver di Meng Wanzhou, direttore finanziario della società tecnologica cinese Huawei, con l’accusa presentata negli Stati Uniti.

“È stato ovvio fin dall’inizio che questa è stata una decisione politica presa dal governo cinese e la deploriamo”, ha detto Trudeau ai giornalisti di Ottawa, aggiungendo che “non stiamo prendendo in considerazione” qualsiasi commercio dei due uomini con un dirigente Huawei detenuto Meng Wanzhou.

“Chiunque stia considerando di indebolire i nostri valori o di indebolire l’indipendenza del nostro sistema giudiziario non comprende l’importanza dei nostri valori”, ha aggiunto.

Le sue osservazioni arrivano dopo che il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha criticato sia il Canada che gli Stati Uniti per i loro commenti sul caso. In una conferenza stampa regolare questa settimana, Zhao ha affermato che “gli organi giudiziari cinesi gestiscono i casi in modo indipendente e garantiscono i diritti legali di quei cittadini canadesi secondo la legge”.

“Chiediamo al leader canadese di rispettare lo stato di diritto e la sovranità giudiziaria cinese e di smettere di fare osservazioni irresponsabili”, ha aggiunto.

Funzionari cinesi non hanno divulgato alcuna prova contro i due uomini o informazioni dettagliate sui loro presunti crimini, ma hanno detto: “i fatti sono chiari e le prove sono solide”.

Potenziale scambio di prigionieri?

In Canada cresce la pressione affinché il governo di Trudeau faccia qualcosa per il caso dei “due Michaels” come è noto lì.

READ  "Pazzia lasciare tutto aperto, così i casi sono raddoppiati"

Martedì, la CBC ha intervistato un certo numero di esperti legali che hanno concordato che Trudeau avrebbe potuto intervenire nel caso Meng se lo avesse voluto, sebbene il Primo Ministro abbia precedentemente affermato che ciò minerebbe l’indipendenza giudiziaria.

“La domanda non è se il (governo canadese) può, la domanda è se dovrebbero”, ha detto all’emittente l’avvocato di Toronto Brian Greenspan. “Il ministro ha il diritto di ritirare l’autorità per procedere e porre fine al procedimento di estradizione, ed è totalmente a discrezione del ministro della giustizia”.

Una persona che conosceva la situazione ha detto alla CNN l’anno scorso che gli sforzi diplomatici canadesi si sono finora concentrati sul tentativo di risolvere ciò che rimane un intricato coinvolgimento politico.

C’è un gioco geopolitico più grande che sta accadendo tra Cina e Stati Uniti, in cui il Canada è in qualche modo intrappolato nel mezzo, ha aggiunto la persona, e sono i due canadesi che stanno pagando il prezzo.

John Manley, ex vice primo ministro canadese, che ha prestato servizio sotto il Premier liberale Jean Chretien nei primi anni 2000, precedentemente detto che consiglierebbe uno “scambio di prigionieri, per quanto grossolano possa sembrare”.

“Quei giovani uomini sono in prigione in condizioni molto difficili per una sola ragione: le azioni del governo canadese e del governo canadese dovrebbero fare qualsiasi cosa per farli liberare”, ha aggiunto. “Quello che temo di più è … gli Stati Uniti stipulano un accordo commerciale con la Cina. Ritirano la richiesta di estradizione. E la signora Meng viene rilasciata immediatamente. Non abbiamo quindi alcun effetto leva e ci faranno aspettare, e potremo aspettare anni per vedere quei due giovani che tornano a casa “.

READ  "Pazzia lasciare tutto aperto, così i casi sono raddoppiati"

Lettere emotive

Parlando con il Globe and Mail canadese di lunedi, Bennett Kovrig, padre di uno degli uomini detenuti, ha affermato che “non agire adesso equivale a un tradimento storico”.

“La Cina ha a lungo insegnato che era interessata solo al rimpatrio di Meng e che avrebbe immediatamente ricambiato liberando i due Michaels”, ha detto Bennett Kovrig. “Trudeau continua a ripetere che non cercherà un accordo del genere. Eppure non c’è alternativa.”

All’inizio di questa settimana, il giornale pubblicato una serie di lettere inviato da Kovrig a sua moglie Vina Nadjibulla.

“Scrive sul significato della vita, sul significato della sofferenza”, ha detto Nadjibulla al giornale. “In una delle sue lettere, in realtà disse:” Ora credo che il significato della vita sia alleviare la sofferenza “. “

Mentre commovente e riflessivo, le lettere di Kovrig, che sono censurate e monitorate dalle autorità cinesi, offrono pochi dettagli sulle sue circostanze. Le visite consolari sono state interrotte da gennaio a causa della pandemia di coronavirus.

“Se c’è un debole rivestimento d’argento in questo inferno, è questo: un trauma mi ha scavato nella mente caverne di dolore psicologico”, scrisse Kovrig in una lettera. “Mentre cerco di guarire e guarire, mi ritrovo a riempire quegli abissi con un amore per te e per la vita che è vasto, profondo e più profondo e confortante di quello che non ho mai sperimentato prima.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *