Spagna, oltre 1100 infezioni in 24 ore: mai così tante dal 2 maggio. Altri 1500 morti negli Stati Uniti, allarme a Hong Kong

Spagna, oltre 1100 infezioni in 24 ore: mai così tante dal 2 maggio. Altri 1500 morti negli Stati Uniti, allarme a Hong Kong

I numeri continuano a preoccuparsi Spagna, in cui le regioni di Catalogna, Navarra e Aragona – tutti nel nord – stanno vivendo un’ondata di contagi che ha anche portato diversi paesi per sconsigliare i viaggi non essenziali. E oggi il numero di contagi è il più alto da allora 2 maggio, quando sono stati registrati 1.178 nuovi positivi: 1.153 sono quelli delle ultime 24 ore, mentre io deceduti sono cinque.

Anche la pandemia sta avanzando Hong Kong, dove il governatore Carrie Lam genera l’allarme per il mantenimento della salute, spiegando che l’ex colonia britannica è “sull’orlo di uno scoppio di Comunità su larga scala “. L’ondata di nuovi casi, ha aggiunto,” potrebbe portare a crollo del nostro sistema ospedaliero e costa molto in termini di vita, soprattutto tra gli anziani ”. L’ex protettorato Britannico, che ha affrontato bene il pandemia nel barre di apertura, continua a registrare più di cento infezioni un giorno, quando meno di un mese fa media giornaliera erano meno di dieci. Oggi sono entrate in vigore le nuove regole anti pandemia, compreso l’uso di maschere obbligatorio e la chiusura del ristoranti.

Nel Americas, per settimane i principali focolai del mondo, il stati Uniti – primo paese al mondo per numero di contagi è vittime – ha registrato altri 1.592 decessi, 921 in Brasile (che è il secondo dietro gli Stati Uniti). E per la prima volta dall’inizio della pandemia di coronavirus, in Giappone il numero di infezioni giornaliere supera le mille, con la situazione che diventa allarmante nei principali centri urbani del paese.

READ  Commercio, gli Usa confermano dazi su 7,5 miliardi di dollari di prodotti Ue ma rinviano nuovi aumenti

Stati Uniti d’America – 1.592 decessi e oltre 60 mila infezioni nelle ultime 24 ore. Questo è il maggior numero di vittime in un solo giorno in due mesi e mezzo. Dell’aldilà 16 milioni di casi confermati a livello globale, nel 2005 sono stati registrati 4,35 milioni stati Uniti; e delle oltre 660 mila vittime in tutto il mondo, oltre 149 mila sono state registrate nel Stati Uniti d’America.

Brasile – Altre 921 morti portano il numero totale delle vittime dall’inizio dell’emergenza sanitaria a 88.539. Anche nelle ultime 24 ore vengono contati 40.816 nuovi casi, per un totale di 2.483.191.

Giappone Osaka ha registrato oltre 200 casi, un numero mai così alto; altre 155 infezioni sono state segnalate nelle prefetture di Aichie 70 in quello di Kanagawa. Una tendenza al rialzo che non sembra placarsi nemmeno a Tokyo, dopo che il governo metropolitano ha segnalato altri 250 casi oggi, con il 64% del totale che ha colpito i giovani tra i 20 ei 30 anni. La somma totale delle infezioni nella capitale si assesta ora a 11.861: oltre un terzo di tutti i casi nel paese. Le ultime statistiche coincidono con il lungo ponte festivo di quattro giorni osservato lo scorso fine settimana che in realtà sembra aver ampliato la diffusione del virus, nonostante il governo centrale abbia escluso Tokyo dalla campagna di incentivi per la promozione di turismo casa. Non fa eccezione Okinawa, l’isola a sud dell’arcipelago, con 45 nuove infezioni, un nuovo massimo per il terzo giorno consecutivo.

Memoriale del Coronavirus

Supporta ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo il nostro lavoro con coscienza,
facciamo un servizio pubblico. Questo è anche il motivo per cui siamo orgogliosi ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it
offrire centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, sondaggi, video e molto altro. Tutto questo lavoro, tuttavia, ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un’epoca in cui l’economia è stagnante, offre entrate limitate.
Non in linea con il boom dell’accesso. Questo è il motivo per cui chiedo a coloro che leggono queste righe di supportarci.
Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi quelli che hanno bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Siamo orgogliosi di poter offrire centinaia di nuovi contenuti ogni giorno gratuitamente a tutti i cittadini.
Ma la pubblicità, in un’epoca in cui l’economia è stagnante, offre entrate limitate.
Non in linea con il boom dell’accesso a ilfattoquotidiano.it.
Per questo motivo ti chiedo di supportarci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana.
Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Aiutaci!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Sostieni ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Bielorussia, 32 paramilitari arrestati a Minsk: “Putin vuole destabilizzare Lukashenko”

Il prossimo


Prossimo articolo

Maddie McCann, Bild: “Trovato una cantina nascosta nel giardino di Hannover”. È stato imposto il divieto di sorvolare l’area di ricerca

Il prossimo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *