Sette casi COVID-19 da record degli Stati Uniti, ordinati per coprifuoco a Miami

Il sindaco della contea di Miami-Dade, Carlos Gimenez, ha imposto un coprifuoco notturno indefinito a partire da venerdì

L’Alabama e altri sei stati degli Stati Uniti hanno riportato aumenti record nei casi di coronavirus venerdì, quando la contea più popolosa della Florida ha imposto un coprifuoco in vista del fine settimana del Giorno dell’Indipendenza e l’Arkansas si è unito a una spinta verso l’obbligo di indossare maschere in pubblico.

Carolina del Nord, Carolina del Sud, Tennessee, Alaska, Missouri, Idaho e Alabama hanno tutti registrato nuovi massimi giornalieri nei casi di COVID-19, la malattia causata dal nuovo coronavirus. Il Texas ha raggiunto un nuovo picco per i ricoveri, con un medico che chiedeva un “blocco completo” nello stato per tenere il virus sotto controllo.

Il conteggio giornaliero dei casi negli Stati Uniti si è attestato a 53.483 alla fine di venerdì, al di sotto del record del giorno precedente di 55.405.

La recente ondata, più pronunciata negli stati del sud e dell’ovest, ha allarmato i funzionari della sanità pubblica, che hanno sollecitato cautela in vista di un fine settimana di vacanza del 4 luglio per celebrare la Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti nel 1776.

La Carolina del Nord, per esempio, ha riportato 951 ricoveri e 2.099 casi, entrambi record.

Bill Saffo, sindaco di Wilmington, nella Carolina del Nord, ha affermato che molte infezioni sono state ricondotte a grandi raduni e ha previsto un ulteriore salto dopo il fine settimana di vacanza, poiché le persone hanno ignorato le linee guida sul distanziamento sociale e le maschere.

“Sappiamo che la diffusione avverrà. Sappiamo che probabilmente tra circa due settimane vedremo un picco dal weekend del 4 luglio”, ha detto Saffo alla CNN.

READ  Piccola mossa del mercato azionario statunitense in attesa di un nuovo pacchetto di stimolo fiscale

Nonostante il balzo delle infezioni, il numero medio giornaliero di decessi negli Stati Uniti è gradualmente diminuito nelle ultime settimane, un riflesso della crescente proporzione di test positivi tra le persone più giovani e più sane che sono meno inclini a esiti gravi.

Tuttavia, il chirurgo generale americano Jerome Adams ha avvertito che l’impatto sui decessi causati dalla recente ondata, iniziata a metà giugno, non era ancora stato visto. “I decessi sono in ritardo di almeno due settimane e possono ritardare ancora di più”, ha detto a “Fox & Friends” venerdì.

Le sue osservazioni sono arrivate ore prima di un viaggio del presidente Donald Trump sul Monte Rushmore, nel Dakota del Sud, dove avrebbe dovuto tenere un discorso a migliaia di sostenitori in cui si sarebbe battuto contro la “folla dell’ala sinistra” e avrebbe visto uno spettacolo pirotecnico sul punto di riferimento raffigurante quattro presidenti degli Stati Uniti in pietra.

La visita ha suscitato critiche da parte dei nativi americani, che sostengono che l’area remota è sacra per loro, così come gli esperti di salute che scoraggiano grandi congregazioni di persone.

Trump, la cui gestione della pandemia è stata oggetto di aspre critiche da parte di democratici e alcuni repubblicani, ha ripetutamente cercato di eliminare il salto in casi in funzione di ulteriori test e anche questa settimana ha predetto che il virus “scomparirebbe”.

ALTRE MASCHERE

I casi di coronavirus sono in aumento in 37 dei 50 stati degli Stati Uniti tra cui la Florida, che ha avuto 9.488 nuovi casi venerdì, secondo il dipartimento sanitario dello stato. I 10.109 casi della Florida di giovedì hanno segnato un record per lo stato ed è stato più che il picco quotidiano di qualsiasi paese europeo al culmine dello scoppio lì.

READ  Piccola mossa del mercato azionario statunitense in attesa di un nuovo pacchetto di stimolo fiscale

Le prove del rialzo non sono semplicemente dovute a test ampliati, la percentuale di test tornati positivi in ​​Florida ha raggiunto il 16%, rispetto al 4% di un mese fa, secondo un’analisi di Reuters. L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che un tasso superiore al 5% è preoccupante.

In tale contesto, il sindaco della contea di Miami-Dade, Carlos Gimenez, ha imposto un coprifuoco notturno indefinito a partire da venerdì e ha bloccato le riaperture di luoghi di intrattenimento come casinò e strip club. All’inizio di questa settimana, Miami-Dade e la vicina contea di Broward, le due contee più popolose dello stato, hanno richiesto ai residenti di indossare le facciate in pubblico.

Venerdì, il governatore dell’Arkansas Asa Hutchinson ha autorizzato le città e le città dello stato a emanare un “modello di ordinanza” che richiede l’uso di rivestimenti per il viso se scelgono di farlo, diventando l’ultimo repubblicano a rinunciare alla pressione sulla questione.

La mossa è arrivata il giorno dopo che il governatore del Texas Greg Abbott ha ordinato di indossare maschere per il viso nella maggior parte dei luoghi pubblici, ribaltando la sua posizione a seguito di un allarmante aumento delle infezioni nello stato, che venerdì ha segnato un nuovo massimo per i ricoveri a 7.652.

Owais Durrani, residente all’ospedale universitario di San Antonio, ha dichiarato che quasi tutti i pazienti che arrivano al pronto soccorso sono risultati positivi per COVID-19, anche quelli ammessi per problemi non correlati come le infezioni alla cistifellea.

“A mio avviso, dobbiamo andare in un blocco completo e vedremo ancora un aumento di tutte queste metriche per due o tre settimane e poi forse gireremo un angolo”, ha detto.

READ  Piccola mossa del mercato azionario statunitense in attesa di un nuovo pacchetto di stimolo fiscale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *