NDTV News

Pilota Sachin licenziato 3 ore dopo la chiamata di Priyanka Gandhi Vadra: Fonti

Sachin Pilot “ha parlato con Priyanka Gandhi due giorni fa e ha avuto un’audizione paziente” (File)

Jaipur:

Sachin Pilot è stato “offeso” per essere stato licenziato come Vice Primo Ministro del Rajasthan e capo del partito di stato solo tre ore dopo una conversazione con Priyanka Gandhi Vadra, secondo quanto riferito da fonti vicine a lui.

Sachin Pilot ha parlato con Priyanka Gandhi martedì, hanno detto le fonti. Questo è stato uno dei tanti tentativi raggiunti dai Gandhi dopo che il 42enne ha lanciato la sua rivolta domenica contro il Primo Ministro Ashok Gehlot. Ma questi sforzi per la riconciliazione non hanno impedito al Congresso in Rajasthan di agire contro Mr Pilot e altri MLA ribelli.

Il signor Pilot “ha parlato con Priyanka Gandhi due giorni fa e ha avuto un’audizione paziente”, hanno detto le fonti. Quando ha discusso delle sue rimostranze, Priyanka Gandhi ha detto “avrebbe parlato con Rahul Gandhi e Sonia Gandhi”. Tre ore dopo, secondo le fonti, è stato licenziato dai suoi posti nel Rajasthan.

“Come può il Congresso parlare di riavvicinamento quando agisce contro di me?” Secondo quanto riferito dall’onorevole Pilot. “Non è sicuro di poter più fidarsi delle assicurazioni del Congresso”, hanno affermato fonti.

“Da un lato, il Congresso parla di” porte aperte “e dall’altro sono stato licenziato e inviato un avviso di squalifica. Sono attaccato da Ashok Gehlot”, affermano fonti del leader furioso.

Secondo quanto riferito, Priyanka Gandhi ha telefonato a Mr Pilot anche mercoledì. Ieri il ribelle ha parlato con l’anziano leader del Congresso ed ex ministro dell’Unione P Chidambaram, il quale ha affermato di avergli consigliato di “cogliere l’occasione” dopo che la leadership lo ha invitato pubblicamente per un incontro.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Una sezione del Congresso ritiene che il signor Pilot sia andato “troppo lontano” portando ieri il partito in tribunale insieme a 18 MLA ribelli. Il Team Pilot ha contestato gli avvisi di squalifica che chiedono loro di spiegare perché hanno sfidato gli ordini delle parti a partecipare alle riunioni.

Fonti vicine a Mr Pilot hanno messo in dubbio come poter partecipare alle riunioni degli MLA a casa del Primo Ministro quando è stato ferito.

“Le prime lamentele con Gehlot dovevano prima essere affrontate”, hanno detto, aggiungendo che il Primo Ministro “era diventato un ladro” e il Congresso non poteva più controllarlo.

Il sig. Gehlot ha ripetutamente accusato il sig. Pilot di aver cospirato con il BJP per far cadere il suo governo.

Stamattina, il Congresso ha affermato che un ministro dell’Unione e due MLA ribelli sono stati catturati su accordi di nastro e complottando per sloggiare il governo di Ashok Gehlot. Due FIR sono stati depositati poco dopo che il Congresso aveva letto le trascrizioni dell’audio, emerse online ieri.

Il campo di Pilot ha dichiarato di “non aver sentito i nastri pungenti” e ha definito i nastri parte della strategia del Primo Ministro per giustificare le mosse per squalificare i ribelli. Se i ribelli saranno squalificati, il voto di maggioranza nell’assemblea del Rajasthan con 200 membri scenderà, dando un vantaggio a Gehlot.

Gehlot potrebbe avere grossi problemi se qualche altro MLA si unirà al campo ribelle di 20 persone. Il BJP ha 73 MLA e ha bisogno di circa 30 in più per rivendicare il potere.

Il Team Pilot ha sottolineato ancora una volta che “non vi è stata alcuna domanda” sul fatto che il signor Pilot si sia unito al BJP. “Il Rajasthan è mio karmabhoomi, il mio lavoro è qui “, ha affermato il signor Pilot secondo le fonti, un riferimento ai leader del Congresso a Delhi che gli suggerisce un ruolo nazionale.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

“Non è chiaro quale ruolo il Congresso possa offrire al di fuori del Rajasthan”, hanno affermato fonti vicine a Pilot.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *