Perché Gandhis non ha incontrato Sachin Pilot

Sonia e Rahul Gandhi hanno deciso di gettare le basi per i negoziati con Sachin Pilot: fonti

Nuova Delhi:

Sachin Pilot, che si è apertamente ribellato al Congresso e rivendica il sostegno di 30 MLA – abbastanza per far cadere il governo Ashok Gehlot in Rajasthan – finora non ha avuto un appuntamento con i Gandhi.

Il 42enne viceministro del Rajasthan è stato a Delhi da ieri, con un gruppo di MLA fedeli a lui.

L’ultima volta che ha parlato all’emissario del Gandhi nove giorni fa, secondo quanto riferito ha presentato le sue carte.

Fonti hanno riferito a NDTV che prima di ogni incontro, la presidente del Congresso Sonia Gandhi e suo figlio e il deputato Rahul Gandhi hanno deciso di gettare le basi per eventuali negoziati.

I Gandhi hanno trasmesso la loro posizione attraverso il loro emissario di fiducia, dicono fonti, ma questa volta Sachin Pilot ha rifiutato di accettare qualsiasi cosa che non fosse il posto di capo del ministro.

Nove giorni fa, secondo quanto riferito, i Gandhi gli avrebbero detto che a un certo punto sarebbe diventato Primo Ministro, ma ci sarebbe voluto del tempo e che era abbastanza giovane da aspettare. Dopotutto, era già viceministro generale, capo del Congresso in Rajasthan e responsabile di cinque ministeri.

Pilot crede che la sua mossa per accontentarsi di deputato ad Ashok Gehlot nel 2018, dopo la vittoria del Congresso in Rajasthan, non abbia dato i suoi frutti. Da allora, la frattura tra il Primo Ministro Gehlot e il suo vice imbronciato si è solo allargata.

Quando Jyotiraditya Scindia lasciò il Congresso nel Madhya Pradesh a marzo, prendendo 22 MLA e abbattendo il governo Kamal Nath, secondo quanto riferito, Pilot stava anche discutendo con il BJP.

READ  STATE ATTENTI A NON SBAGLIARE CON DYBALA

“Ha lavorato in collaborazione con Jyotiraditya Scindia per allontanarsi”, hanno detto fonti, aggiungendo che il BJP aveva persino sperato che avrebbe consegnato durante le elezioni del Rajya Sabha, ma con loro disappunto, non è successo.

Le accuse secondo cui il BJP era in trattativa con il sig. Pilot per un rilevamento in Rajasthan hanno raggiunto il culmine nelle elezioni del Rajya Sabha del mese scorso per tre set, quando il Primo Ministro Gehlot ha denunciato un tentativo del BJP di acquistare MLA del suo partito per un colpo di stato. Sachin Pilot screditava apertamente questo discorso, dicendo che tutti gli MLA del Congresso erano intatti, il che, ha detto, è stato dimostrato quando il partito ha vinto due dei tre seggi di Rajya Sabha.

Gehlot ordinò un’indagine su presunti tentativi di allontanare il suo governo. Per il signor Pilot, il punto di rottura è stato quando è stato convocato per l’interrogatorio nelle indagini da parte del gruppo Operazioni speciali. Una convocazione è andata anche al sig. Gehlot, ma non ha avuto importanza, secondo fonti vicine al sig. Pilot, dal momento che gli investigatori riferiscono al capo dei ministri.

“Nessuno vuole lasciare la sua casa, ma non posso continuare a sopportare questo tipo di umiliazione; i miei MLA e i miei sostenitori sono estremamente feriti e dovrò ascoltarli”, ha dichiarato il pilota Pilot a Javed Ansari, giornalista senior stamattina.

I dirigenti del Congresso erano consapevoli dei problemi di preparazione, dicono fonti, ma volevano un terreno comune prima di incontrarsi con il sig. Pilot.

Quando il sig. Scindia lasciò il Congresso, sostenne che non gli era stato dato un appuntamento con i Gandhi per quasi un anno.

READ  STATE ATTENTI A NON SBAGLIARE CON DYBALA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *