Nuovo pacchetto da 30 miliardi di sterline del ministro delle finanze britannico Rishi Sunak

Rishi Sunak ha dichiarato che l’economia del Regno Unito si è contratta del 25% a causa del blocco del coronavirus (File)

Londra:

Mercoledì il governo britannico ha svelato un pacchetto del valore di 30 miliardi di sterline ($ 37 miliardi, 33 miliardi di euro) per salvare posti di lavoro, aiutare i giovani a lavorare e dare il via all’economia britannica devastata dalla pandemia di coronavirus.

Fornendo un mini-budget al parlamento, il ministro delle finanze Rishi Sunak ha annunciato misure che includono bonus alle aziende che trattengono il personale e assumono apprendisti, investimenti in lavori “verdi” e persino permettendo a tutto il paese di godere di pasti scontati nei ristoranti.

“La gente ha bisogno di sapere che, nonostante le difficoltà che ci attendono, nessuno rimarrà senza speranza”, ha detto il Cancelliere dello Scacchiere Sunak.

Notando che “le persone sono ansiose di perdere il lavoro, di aumentare la disoccupazione”, Sunak ha dichiarato: “Non accetteremo solo questo”.

Ma ha insistito sul fatto che il regime di furlough del governo già in atto per proteggere milioni di posti di lavoro nel settore privato doveva concludersi ad ottobre.

Altre misure annunciate da Sunak includono una riduzione temporanea dell’imposta sul valore aggiunto su cibo, alloggio e attrazioni – e una soglia più elevata per l’imposta di bollo sugli acquisti di case per aiutare il settore delle costruzioni.

“Contrazione del 25%”

La Gran Bretagna ha subito lo scoppio più mortale in Europa di COVID-19 e un arresto a livello nazionale ha portato alla peggiore recessione economica tra i principali stati industrializzati del G7.

Sunak ha affermato che l’economia del Regno Unito si è contratta del 25% a causa del blocco del coronavirus – “la stessa quantità che è cresciuta negli ultimi 18 anni”.

READ  F1 | GP F1-70 2020, PL3 - DIRETTA - Live

Il cancelliere ha anche confermato 3 miliardi di sterline di investimenti verdi, dopo che il primo ministro britannico Boris Johnson ha promesso di “costruire, costruire, costruire” dalla crisi economica.

Il pacchetto di investimenti include 2 miliardi di sterline in sovvenzioni alle famiglie per isolare le case e renderle più efficienti dal punto di vista energetico e 1 miliardo di sterline per gli edifici del settore pubblico, compresi gli ospedali.

Il piano fa anche parte dell’impegno a lungo termine della Gran Bretagna di ridurre le emissioni di carbonio allo zero netto entro il 2050 per affrontare i cambiamenti climatici.

La Gran Bretagna ha imposto un blocco a livello nazionale il 23 marzo per arrestare la diffusione di COVID-19, ma ha gradualmente iniziato ad allentare le restrizioni per aiutare le aziende in difficoltà, compresi pub e saloni di parrucchieri.

Recenti dati ufficiali mostrano la più grande contrazione trimestrale del Regno Unito da oltre 40 anni – meno il 2,2% – nel periodo gennaio-marzo.

Tuttavia, i dati includevano solo la prima settimana completa del blocco – e Sunak ha suggerito mercoledì che il secondo trimestre era molto peggio.

Dall’inizio della crisi, la Banca d’Inghilterra ha pompato un valore di stimolo in contanti e 300 miliardi di sterline nell’economia britannica e ha ridotto il suo tasso di interesse principale a un minimo dello 0,1 per cento: movimenti volti a sostenere le imprese e salvare posti di lavoro.

Gli esperti stimano che il costo totale delle misure di emergenza del governo potrebbe anche arrivare a 300 miliardi di sterline.

I nuovi piani di conservazione del lavoro del governo svelati nel frattempo si basano sul suo programma di conciliazione, in base al quale lo stato sta pagando fino all’80% degli stipendi per circa nove milioni di lavoratori.

READ  F1 | GP F1-70 2020, PL3 - DIRETTA - Live

Mercoledì Sunak ha affermato che lo schema dei “non può e non dovrebbe andare avanti per sempre”, dicendo ai parlamentari:

“So che una volta terminato il furlough sarà un momento difficile … Ma la verità è che chiedere infinite estensioni al furlough è altrettanto irresponsabile come sarebbe stato, a giugno, per terminare il programma dall’oggi al domani.

“Dobbiamo essere onesti”, ha detto.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *