Nuovi segni di New York che sfuggono al controllo

Nuovi segni di New York che sfuggono al controllo

“Completa illegalità”, ha detto un poliziotto all’incidente di Harlem domenica nelle prime ore del mattino – e sta rapidamente diventando una descrizione appropriata di gran parte della città.

Gli agenti hanno risposto a un avviso elettronico di ShotSpotter poco prima delle 4 del mattino e hanno scoperto che una festa di blocco imperversava ancora. Peggio ancora, la folla ha attaccato la polizia, con i membri che urlavano oscenità mentre lanciavano bottiglie e altri detriti contro gli incrociatori.

Il NYPD ha mostrato un’enorme moderazione, forse troppo – ritirando i furgoni lungo Adam Clayton Powell Jr. Boulevard ed evitando arresti o feriti mentre ha disperso la folla per diverse ore. Quanti innocenti erano a rischio nel frattempo? E in che modo la polizia può invertire l’ondata di sparatorie quando incontra questo tipo di accoglienza?

Undici newyorkesi furono fucilati per 12 ore quella notte, con diverse vittime che si rifiutavano di collaborare a qualsiasi indagine. E questo non include la coppia uccisa con un fucile in stile AR-15 sabato pomeriggio su una curva di East New York.

Sono oltre 80 le persone sparate in una settimana, con almeno sei vittime.

Altri segni di disordine sono più banali, come gli assalti alle barricate che chiudono le strade sotto lo sforzo delle “strade aperte” del sindaco Bill de Blasio. I conducenti che attraversano queste barriere stanno chiaramente mettendo a rischio gli innocenti mentre mostrano un totale disprezzo per la legge.

Così come le persone sparano dai fuochi d’artificio a tutte le ore della notte, con gli sbirri evidentemente ordinati di non interferire.

In effetti, “non interferire” sembra lo slogan di ogni autorità cittadina in questi giorni. La polizia portò il problematico vagabondo Matthew Mishefski sul Monte. Ospedale del Sinai sabato. . . dopo aver iniziato a correre nudo a Washington Square Park e ha litigato con altri due uomini.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Ma era stato accampato nella fontana recintata per un mese, accumulando mobili da soggiorno. È davvero una coincidenza che alla fine sia stato trascinato solo dopo aver realizzato la prima pagina di The Post? Dov’erano ThriveNYC e tutti gli altri programmi di salute mentale della città per tutte quelle settimane?

Questo è un ragazzo che risponde solo quando viene indicato come “Gesù Cristo Signore Salvatore”, ma il sistema non riesce a proteggere lui o il pubblico con un trattamento obbligatorio. Effettivamente, fu dimesso domenica mattina, tornò al parco, spogliato di nuovo e fu trascinato sul Monte. Sinai. Potrebbe essere di nuovo fuori quando leggi questo.

La città sembra non solo essere sempre più fuori controllo, ma guidata da “autorità” a cui non interessa (o osa) ripristinare l’ordine di base. New York ha recuperato da molto peggio – ma solo dopo aver scelto la leadership impegnata a mettere al primo posto la sicurezza pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *