New York consente a Black Lives Matter di marcia nonostante il divieto di eventi di grandi dimensioni

New York consente a Black Lives Matter di marcia nonostante il divieto di eventi di grandi dimensioni

Il sindaco Bill de Blasio sta permettendo ai manifestanti di Black Lives Matter di continuare a marciare per le strade della città mentre cancella tutti i grandi eventi fino a settembre.

Parlando alla CNN giovedì sera, de Blasio ha affermato che le richieste dei manifestanti per la giustizia sociale erano troppo importanti per fermarsi dopo che più di un mese di manifestazioni non hanno portato allo scoppio di casi di coronavirus.

“Questo è un momento storico di cambiamento. Dobbiamo rispettarlo, ma anche dire alla gente il tipo di incontri a cui siamo abituati, le sfilate, le fiere – non possiamo proprio farlo mentre ci stiamo concentrando sulla salute in questo momento “, ha detto de Blasio all’host Wolf Blitzer .

L’eccezione è arrivata dal momento che il tasso di infezioni di New York è rimasto costante attraverso i disordini civili per l’uccisione di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis.

Uno studio di fine giugno del National Bureau of Economic Research non ha trovato prove che i casi di coronavirus siano saltati in 315 città nelle settimane successive alle prime proteste. I ricercatori hanno stabilito che le proteste potrebbero essere state compensate da un aumento del distanziamento sociale tra coloro che hanno deciso di non marciare.

I ricercatori hanno affermato che le proteste potrebbero essere state compensate da un aumento del distanziamento sociale tra coloro che hanno deciso di non marciare.

La chiusura del municipio includerà grandi sfilate come il carnevale della Giornata dell’India occidentale nel weekend del Labor Day di Brooklyn, la parata del giorno domenicano nel centro di Manhattan e il festival di San Gennaro a Little Italy.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

L’amministrazione de Blasio negherà anche tutti i permessi per eventi nei parchi che ritiene “ridurranno irragionevolmente l’uso pubblico”, nonché fiere ed eventi che si estendono per più di un isolato o per incontri che richiedono un sistema audio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *