Mukesh Ambani traccia un futuro tecnologico dopo gli affari con Google, Facebook

Mukesh Ambani ha presentato una serie di servizi, tra cui una rete wireless di quinta generazione (File)

Dopo aver assicurato oltre 20 miliardi di dollari di investimenti da Google e Facebook, il miliardario Mukesh Ambani ha preparato una visione per la sua impresa digitale mentre cerca di costruire un titano tecnologico nato in casa che possa competere con i giganti globali.

Delineando i piani per Jio Platforms alla riunione annuale degli azionisti del suo conglomerato Reliance Industries Limited mercoledì, l’uomo più ricco dell’Asia ha parlato principalmente di tecnologia. Ha svelato una serie di servizi, tra cui una rete wireless di quinta generazione già dal prossimo anno e una mega piattaforma di streaming video che porterà Netflix, Disney + Hotstar, Amazon Prime e dozzine di altri canali TV sotto un unico ombrello.

“Credo che sia giunto il momento per un’azienda di prodotti e servizi digitali veramente globale di emergere dall’India e di essere considerata tra le migliori al mondo”, ha detto il magnate alle oltre 300.000 persone che hanno effettuato l’accesso alla conferenza virtuale da 41 paesi.

Mukesh Ambani, 63 anni, che ha ereditato un impero della raffinazione del petrolio e dei prodotti petrolchimici dopo la morte di suo padre nel 2002, sta scommettendo sulla tecnologia per la crescita futura in un perno lontano dal business legacy. Jio Platforms, presentato lo scorso anno, è ora al centro delle sue ambizioni di attingere a un mercato di oltre 1 miliardo di persone, che stanno sempre più adottando dispositivi mobili e piani dati per fare acquisti online. Jio sta cogliendo l’occasione per scuotere la vendita al dettaglio, lo streaming di contenuti, i pagamenti digitali, l’istruzione e l’assistenza sanitaria.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Rivali Giganti

Tali piani avrebbero messo Jio in diretta concorrenza con il colosso dell’e-commerce come Amazon.com e le operazioni locali di Walmart. Il potenziale di crescita in India ha aiutato Jio ad attrarre alcuni dei nomi più importanti della Silicon Valley come investitori. Google di Alphabet è l’ultimo ad arrivare, con l’annuncio di mercoledì di un investimento di $ 4,5 miliardi per una quota del 7,7% che valorizza l’impresa digitale a circa $ 58 miliardi.

“Ciascuno dei nuovi motori di iper-crescita ha un’elevata opportunità di accettazione da parte dei clienti con scala e sarà più volte attuale valutazione, rendendo il business tradizionale del petrolio e del gas un contributo inferiore alla valutazione del 20% in futuro”, ha dichiarato Chakri Lokapriya, Chief Investment Officer presso TCG Asset Management a Mumbai.

Reliance ha ricevuto un forte interesse da parte degli investitori per la sua unità di vendita al dettaglio e prevede di indurre partner globali nei prossimi trimestri, ha affermato Mukesh Ambani senza condividere ulteriori dettagli.

Ecco alcuni dei piani elaborati da Ambani:

Google e Jio stanno collaborando per costruire un sistema operativo in grado di alimentare uno smartphone 4G / 5G economico.

JioMart, il portale per lo shopping online e WhatsApp lavoreranno a stretto contatto per creare opportunità di crescita per milioni di piccoli commercianti indiani e consentire ai clienti di effettuare transazioni senza soluzione di continuità con i negozi mamma e pop

Jio Glass per riunire insegnanti e studenti in sale virtuali 3D e condurre lezioni olografiche attraverso il nostro cloud Jio Mixed Reality in tempo reale

Banda larga per imprese e piccole imprese; Internet-of-Things a banda stretta (NBIoT)

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Jio, che ha iniziato come operatore wireless come primo blocco nel 2016, implementerà la sua rete 5G una volta che le onde radio saranno disponibili, secondo Mukesh Ambani. A differenza di altri vettori, Jio utilizzerà una tecnologia sviluppata localmente per il 5G, ha affermato Ambani, lasciandola immune alle controversie politiche legate ai fornitori di apparecchiature cinesi in cui sono coinvolte le società di telecomunicazioni globali.

Il discorso di Ambani ha toccato il business del petrolio più vicino alla fine e ha confermato che l’operazione di vendita di quote nella sua divisione petrolifera e chimica alla Saudi Arabian Oil Company non è andata avanti come previsto. Il tanto atteso aggiornamento dell’accordo ha provocato un crollo delle azioni di Reliance.

Lo stock di Reliance è sceso del 3,8% mercoledì, il calo maggiore dal 14 maggio, a fronte di guadagni derivanti da un rally indotto dagli investimenti in Jio. Le azioni sono ancora più del doppio del loro valore quando hanno raggiunto il minimo il 23 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *