Mercati statunitensi – Apertura verso il basso, Intel crolla dopo i risultati

Inizio negativo a Wall Street sulla scia delle crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina e timori per i tempi di ripresa dell’economia. Dopo alcuni minuti di negoziazione, il Nasdaq ha venduto l’1,3%, l’S & P 500 lo 0,6% e il Dow Jones lo 0,5%.

La Cina ha risposto alla chiusura del consolato cinese a Houston, in Texas, con accuse di spionaggio, annunciando la sua intenzione di revocare la licenza al consolato generale degli Stati Uniti a Chengdu, una città nel sud-ovest del paese.


Ora le prossime mosse dell’amministrazione Trump sono attese in un contesto in cui le relazioni tra i due paesi diventano sempre più tese, con Pechino che dichiara che la decisione degli Stati Uniti ha seriamente danneggiato le relazioni con Washington.

A ciò si aggiungono i dubbi sulla tempistica della ripresa dell’economia globale alimentata dalla continua diffusione dei contagi negli Stati Uniti con la reintroduzione di misure di blocco parziale in alcuni Stati, mentre il Congresso americano sta negoziando un nuovo pacchetto di aiuti per milioni di cittadini americani che perderanno i benefici alla fine del mese.

Nel frattempo, il biglietto verde sul Forex continua a indebolirsi rispetto ad altre valute, con il tasso di cambio dollaro / yen sui minimi per un mese nell’area 106 e l’euro / dollaro è tornato sopra 1,16.

Tra le materie prime in ripresa, i prezzi del greggio con Brent (+ 0,2%) a $ 43,4 e Wti (+ 0,4%) a $ 41,2, mentre la corsa all’oro è proseguita oltre i $ 1900 la soglia dell’oncia.

Nel settore obbligazionario, il rendimento americano a 10 anni è stato dello 0,59% e il rendimento biennale dello 0,15%.

Infine, sul fronte trimestrale, American Express ha venduto circa il 2% dopo aver deluso le aspettative sui ricavi. Intel sta crollando di oltre il 14% sulla scia degli account, mentre Advanced Micro Devices salta di circa il 10%.

fonte MarketInsight

READ  Stati Uniti, domande di disoccupazione in calo sotto 1 milione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *