Maltempo Lombardia, tempesta su Milano: Seveso allagato. Danni all'aeroporto di Bergamo. I treni si fermarono nelle aree di Cremonese e Bresciano

Maltempo Lombardia, tempesta su Milano: Seveso allagato. Danni all’aeroporto di Bergamo. I treni si fermarono nelle aree di Cremonese e Bresciano

07:00 – iscriviti alla newsletter e
ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella di posta.

Una pioggia incessante con scariche violente dall’alba ha colpito la città di Milano. Come spesso accade per eventi estremi nella capitale lombarda, il fiume Seveso è traboccato. La tempesta ha creato problemi di traffico nell’area del Nord Est, nell’area di Viale Zara, Niguarda e Viale Sarca. Sono state registrate numerose alluvioni, anche in altre parti della città e di Legnano. Numerose chiamate ai vigili del fuoco per sottopassi invasi dall’acqua e da altre inondazioni, anche a Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo. Lambro monitorato. La prima chiamata al centralino di via Messina dei vigili del fuoco è arrivata alle 6.14, poco dopo le 9 erano già 50. Più di 100 pompieri hanno chiamato per far fronte alla situazione. Ha salvato molte persone rimase bloccato in macchina per inondazioni di sottopassi in particolare tra le strade Rab è Zona di Sarca Niguarda. Gli interventi riguardano anche diversi ascensori bloccati con persone lasciate all’interno.

I treni si fermarono tra Bovisa e Cadrona, problemi nelle aree di Cremonese e Bresciano – Il movimento dei treni è bloccato tra le stazioni di Milan Bovisa e Cadorna a causa di danni causati dalle intemperie all’infrastruttura fino a Milan Domodossola. Il sito web di Trenord spiega che è in corso l’intervento dei tecnici delle Ferrovie Nord. Il maltempo ha causato la caduta di alberi e rami su alcune linee ferroviarie. In particolare, le linee tra Soresina e Castelleone nella provincia di Cremona e tra Brescia e Olmeneta.

Bergamo, sottopassi inaccessibili e danni all’aeroporto – Anche il maltempo ha influito Bergamo, dove ha causato alluvioni al di fuori delAeroporto di Orio al Serio e danni al tetto e causare una serie di infiltrazioni all’interno del terminale. Le squadre di emergenza di Sacbo, la compagnia che gestisce l’aeroporto, si sono immediatamente messe al lavoro, permettendo alla normale condotta dei voli di proseguire in condizioni di sicurezza e nel rispetto della puntualità. Tecnici e operai, afferma Sacbo, stanno lavorando per ripristinare le parti danneggiate. L’aeroporto e le aree di parcheggio rimangono accessibilie le operazioni di volo e tutti i servizi passeggeri si svolgono regolarmente. Vento, pioggia e grandine colpiscono un po ‘l’intera provincia. In particolare, in città le strade del quartiere di Colognola sono completamente allagate. La maggior parte dei sottopassi di Bergamo sono diventati inaccessibili.

READ  Sparato fuori dalla Casa Bianca, Trump scortato allo Studio Ovale

Ieri uno era stato ramificato allarme arancione da protezione civile per la Lombardia e l’Emilia-Romagna. Per provocare questa ondata di maltempo: una perturbazione di origine atlantica, permeata da aria più fredda in alta quota, che potrebbe estendersi anche alle Marche e alla Toscana settentrionale, con temporali, raffiche di vento, fulmini e grandinate. L’avvertimento comprendeva anche il maltempo in Liguria, Piemonte, Veneto, provincia autonoma di Trento, Friuli Venezia Giulia, Marche e Toscana. PERpiastra gialla per rischi idraulici e idrogeologici su Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, bacini settentrionali della Toscana, Provincia autonoma di Trento, Umbria, Veneto e sul resto della Lombardia.

Supporta ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo il nostro lavoro con coscienza,
facciamo un servizio pubblico. Questo è anche il motivo per cui siamo orgogliosi ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it
offrire centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, sondaggi, video e molto altro. Tutto questo lavoro, tuttavia, ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un’epoca in cui l’economia è stagnante, offre entrate limitate.
Non in linea con il boom dell’accesso. Questo è il motivo per cui chiedo a coloro che leggono queste righe di supportarci.
Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi quelli che hanno bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Siamo orgogliosi di poter offrire centinaia di nuovi contenuti ogni giorno gratuitamente a tutti i cittadini.
Ma la pubblicità, in un’epoca in cui l’economia è stagnante, offre entrate limitate.
Non in linea con il boom dell’accesso a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di supportarci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana.
Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Aiutaci!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Sostieni ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Piacenza, Guerini: “Iniziate le indagini interne sui controlli”. Quindi alla polizia: “Sei la prima vittima, nessuno spazio di ambiguità”

Il prossimo


Prossimo articolo

Tempesta su Milano, straripamenti di Seveso. Strade come fiumi, sottopassaggi allagati e traffico di fieno

Il prossimo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *