Lupi svegliati e leader codardi dell'America liberale

Lupi svegliati e leader codardi dell’America liberale

Non si tratta davvero di Bari Weiss.

La folla all’interno del New York Times non ha preso di mira Weiss, un’editor di opinioni e scrittrice lì dal 2017, per l’annullamento per ottenerla in modo specifico, anche se la sua scrittura intelligente e il suo editing sicuramente non la affascinavano con alcuni dei digitali di terza categoria- hack mediatici e millenari senza talento che si sono divertiti alla ricerca di questa stella giornalistica in aumento a causa della loro odiosa invidia.

Come ha spiegato Weiss in una lettera di dimissioni pubbliche ampiamente letta martedì, ha lasciato il suo lavoro dopo il costante bullismo da parte di più colleghi di sinistra (la stragrande maggioranza) che includevano pettegolezzi subdoli, insinuazioni antisemite e attacchi pubblici contro di lei che non sarebbero mai stati tollerato se fosse stata lei a incontrarli.

Descrisse anche un’atmosfera di pervasiva intimidazione e conformità ideologica che alla fine rese quasi impossibile commissionare diversi punti di vista e scrivere e pensare liberamente – essenziale per l’opinione giornalistica – quasi impossibile.

Quindi Weiss se ne andò. Ma ancora una volta non si trattava di lei. I veri obiettivi del mob sono duplici.

In primo luogo, la folla desidera ardentemente sottomettere tutti in una posizione di autorità al Times e in qualsiasi altra istituzione liberale in America che potrebbe pensare che sia saggio assumere qualcuno come Bari Weiss – qualcuno che disegna al di fuori delle linee ideologiche e porta una nuova prospettiva.

Puoi vedere come funziona nella vigliaccheria manifestata dall’editore del Times A.G. Sulzberger. Come notò Weiss nella sua lettera, Sulzberger la lodò in privato, anche se allo stesso tempo non riuscì a difenderla in pubblico dalle minacce e dalle calunnie dei suoi stessi colleghi, sia nelle comunicazioni interne che su Twitter. Tale condotta segna per sempre il rampollo giornalistico come meno un uomo che un topo.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Considera anche che la lettera di dimissioni lampante di Weiss mostra come Sulzberger e la dirigenza del Times siano probabilmente colpevoli di diversi reati legati all’occupazione, in particolare nel loro rifiuto di intervenire per porre fine all’ambiente di lavoro ostile in cui si era trovata – almeno parte di come veniva trattata dai colleghi come membro di una religione di minoranza.

Va detto, proprio qui, che Weiss, che è mio amico, non è un conservatore. Si definisce centrista e come persona che ha discusso con lei su questioni di ideologia, posso confermare che questa è una descrizione del tutto corretta.

Tuttavia, è esperta nel pensiero e nella discussione conservatrice e aperta a entrambi. Questo è un crimine-pensiero nei circoli svegliati.

Ancora più eloquente, è una sionista, una robusta difensore di Israele e una persona disposta a denunciare l’antisemitismo a sinistra – opinioni che, nel nostro movimento culturale e politico della spazzatura, sono diventate tragicamente inaccettabili in molti quartieri svegli.

È stata presa di mira per avere queste opinioni e perché è diventata famosa in TV e altrove per l’eloquenza con cui le sposa. Chi l’ha presa di mira lo ha fatto nel suo posto di lavoro e nelle sedi pubbliche. Eppure Sulzberger & Co. non è venuto in sua difesa o in aiuto, anche se i loro affari stavano affrontando un’esposizione legale, perché era più sicuro per loro rischiare una causa Weiss che disciplinare coloro che l’avevano minacciata.

Perché? Perché sono più spaventati dalla folla. Sono terrorizzati dall’essere sottoposti allo stesso trattamento. È così semplice. Sulzberger lasciò che i lupi cercassero di divorare Weiss per salvare la propria pelle di ragazzo ricco. Si è rifiutata di partecipare al proprio sacrificio.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Il che ci porta al secondo oggetto del mob: i wokester vogliono spaventare tutti coloro che potrebbero emulare Bari Weiss in futuro. E questo, ovviamente, è il vero scopo di cancellare la cultura. Si tratta meno di mettere a tacere la voce che è così fastidiosa per gli cancellatori nel presente – e molto di più di mettere a tacere la prospettiva che la voce rappresenta in futuro.

Questo va ben oltre il New York Times. È uno sforzo che pervade tutte le principali istituzioni culturali in America.

Contro questa minaccia generazionale, i mandarini milquetoast che gestiscono questi luoghi si rifiutano di difendersi, il principio della libera espressione o qualsiasi cosa tranne il mantenimento del proprio lavoro. La loro rinuncia a tutti i principi nel perseguimento di quell’obiettivo umile è un segno di quanto morirono, moralmente, spiritualmente, politicamente, intellettualmente e praticamente sono decaduti loro e le loro organizzazioni.

jpodhoretz@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *