L’uomo americano muore dopo aver assistito al “virus COVID-19” pensando che il virus fosse una “bufala”

L’uomo pensava di essere giovane e non sarebbe stato colpito dalla malattia: Dottore (Rappresentativo)

New York:

Un uomo di 30 anni del Texas è morto a causa del nuovo coronavirus dopo aver partecipato a una festa “COVID-19” ospitata da una persona infetta, ha rivelato un medico, sottolineando il rischio per i giovani.

Jane Appleby, direttore medico presso il Methodist Hospital di San Antonio, ha detto che l’uomo pensava che il virus fosse una bufala, nonostante abbia ucciso finora più di 135.000 persone negli Stati Uniti.

“A qualcuno verrà diagnosticata la malattia e organizzeranno una festa per invitare i loro amici a vedere se riescono a sconfiggere la malattia”, ha detto Appleby in un video trasmesso dai media statunitensi domenica.

“Una delle cose che straziarono il cuore che disse alla sua infermiera fu:” Sai, penso di aver fatto un errore. “

“Pensava che la malattia fosse una bufala. Pensava di essere giovane e invincibile e che non sarebbe stato colpito dalla malattia.”

Appleby ha affermato che i giovani pazienti spesso non si rendono conto di quanto siano malati.

“Non sembrano davvero malati. Ma quando controlli i loro livelli di ossigeno e i loro test di laboratorio, sono davvero più malati di quanto sembri”, ha detto, invitando le persone a prendere seriamente i rischi.

L’amministrazione Trump di domenica ha nuovamente insistito per la riapertura delle scuole complete in autunno, anche quando le infezioni da coronavirus in ripresa – molte delle quali attribuite alla colpa dei giovani – e un picco record nei casi in Florida sollevano ulteriori domande sugli sforzi del paese per reprimere la malattia .

Gli Stati Uniti hanno di gran lunga il più alto carico di lavoro al mondo e il numero di morti.

READ  22 vengono importati. Rieti, bambino positivo nel centro estivo

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *