L'UE riaprirà i suoi confini - ma probabilmente non agli americani

L’UE riaprirà i suoi confini – ma probabilmente non agli americani

I diplomatici, ai quali non è stato permesso di discutere la questione prima che i 27 stati membri dell’UE avessero raggiunto un accordo, hanno confermato alla CNN che i governi dell’UE hanno ricevuto martedì fino all’ora di pranzo per concordare l’elenco dei 15 paesi autorizzati ad entrare.

Nell’elenco proposto di 15 nazioni c’è la Cina, dove ha avuto origine il virus. Tuttavia, l’UE offrirà alla Cina l’ingresso solo a condizione di accordi reciproci. Gli altri 14 paesi sono: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Tailandia, Tunisia, Uruguay.

Come era ampiamente previsto, gli Stati Uniti – dove il coronavirus sta attualmente riemergendo – non saranno inclusi in tale elenco.

L’elenco è incluso in una serie di raccomandazioni del Consiglio dell’UE agli Stati membri, che stabiliscono i criteri che i paesi devono soddisfare prima che i loro cittadini possano accedere al blocco e la metodologia per soddisfare tali criteri. Ciò richiede che i paesi ammessi all’ingresso abbiano tassi di infezione da coronavirus uguali o migliori dell’UE.

Il controllo delle frontiere viene infine deciso da ciascuno Stato membro piuttosto che a livello dell’UE a Bruxelles. Ma i funzionari dell’UE sperano che avere le raccomandazioni in atto significhi che gli Stati membri riapriranno i loro confini a colpo d’occhio.

L’Europa ha chiuso le sue frontiere esterne a marzo dopo che il blocco ha visto crescere esponenzialmente i tassi di infezione da Covid-19.

Gli Stati Uniti hanno ora il più alto numero di infezioni confermate e il più alto numero di decessi causati da Covid-19 di qualsiasi paese del mondo, secondo il Coronavirus Resource Center della Johns Hopkins University.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

I diplomatici hanno affermato che era “altamente improbabile” che il quadro sarebbe cambiato in qualunque momento presto, il che significherebbe che è necessario un drammatico inversione di tendenza nel tasso di infezione degli Stati Uniti se verrà preso in considerazione in qualsiasi decisione futura. L’UE dovrebbe rivedere la decisione ogni due settimane.

Gli Stati membri dovrebbero approvare l’elenco e gli orientamenti a maggioranza qualificata martedì, anziché con una decisione unanime.

Una maggioranza qualificata richiede che 15 dei 27 Stati membri votino a favore. Le linee guida dovrebbero essere opache e aperte all’interpretazione in alcune aree, poiché almeno tre stati membri hanno espresso riluttanza ad aprire le frontiere, hanno affermato i diplomatici.

I funzionari dell’UE hanno rapidamente sottolineato che le decisioni su chi può o non può entrare nel blocco non sono politiche, ma basate su una scienza che consente agli Stati membri di proteggere i propri cittadini. Tali funzionari si stanno comunque preparando per la reazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che in precedenza ha detto cose molto critiche sull’UE e potrebbe vedere la decisione motivata politicamente.

Tuttavia, come un’altra UE diplomatico precedentemente spiegato alla CNN, “Sicuramente, puoi vedere di non essere nella lista come qualcosa di politico, quando un paese è autorizzato e un altro non lo è”, ma ha insistito sul fatto che “si tratta sempre e solo di salute”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *