Visa granted to spouses of H-IB Visa holders

L’UE deve consentire ai visitatori di 15 paesi “sicuri”

https://data1.ibtimes.co.in/en/full/733287/european-professional-club-rugby-postpones-champion-club-challenge-cup-due-coronavirus.jpg

Il rugby del club professionistico europeo posticipa la squadra campione e la coppa sfida a causa del coronavirusIBTimes IN

https://data1.ibtimes.co.in/en/full/733287/european-professional-club-rugby-postpones-champion-club-challenge-cup-due-coronavirus.jpg

Il rugby del club professionistico europeo posticipa la squadra campione e la coppa sfida a causa del coronavirusIBTimes IN

L’UE ha deciso che da mercoledì le frontiere dell’UE saranno riaperte ai cittadini di 15 paesi extra UE, tra cui Canada, Marocco e Australia, ma non Stati Uniti, Brasile e Russia.

La Cina è nella lista, ma soggetta a un accordo reciproco, ancora pendente, ha riferito la BBC.

La decisione unanime del Consiglio europeo non è giuridicamente vincolante, quindi gli stati possono scegliere di non aprirsi a tutti quei paesi.

I diplomatici hanno trascorso cinque giorni a discutere l’elenco, in mezzo a diverse preoccupazioni di pandemia.

Le cosiddette “destinazioni di viaggio sicure” sono, oltre alla Cina: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Tailandia, Tunisia e Uruguay.

L’Europa viaggiaUnione europea

Il Regno Unito e altri quattro stati non UE – Svizzera, Islanda, Liechtenstein e Norvegia – vengono automaticamente inclusi come “sicuri”.

Gavin Lee della BBC a Bruxelles afferma che c’è stata un’intensa attività di lobby da parte di rappresentanti di Stati Uniti, Russia e Turchia per essere inclusi nell’elenco.

Funzionari dell’UE affermano che la decisione si basava su una serie di fattori scientifici:

Garantire che il tasso di infezione Covid-19 nel paese fosse abbastanza basso (dove le nazioni avevano meno di 16 su ogni 100.000 infetti)

Che c’era una tendenza al ribasso dei casi

Che le misure di allontanamento sociale erano “a un livello sufficiente”

Un diplomatico di uno stato membro del Nord Europa ha dichiarato alla BBC che “una certa quantità di geopolitica ha influenzato anche la decisione” e che “gli stati dei Balcani e dell’Europa orientale avevano raccomandato” di includere la Georgia, un ex stato sovietico.

Airbus per espandere l'hub IT

Viaggia in EuropaAirbus / twitter

Si presume che il governo ungherese abbia fatto pressioni per l’inclusione della Serbia. Funzionari spagnoli affermano di aver richiesto che il Marocco fosse nell’elenco, a condizione che ci fosse un accordo di reciprocità.

La Danimarca e l’Austria erano tra i vari Stati membri che sostenevano che il numero di paesi fosse inferiore a 15.

Ma alla fine, è stato adottato all’unanimità dagli Stati membri.

Ogni stato dovrà annunciare quando intende iniziare a riammettere i cittadini di alcuni o di tutti quei paesi.

Funzionari francesi affermano che prevedono di attuare la decisione nei “prossimi giorni”.

La Repubblica ceca ha pubblicato un elenco di otto paesi che considera sicuri per i viaggi.

L’elenco dell’UE verrà aggiornato ogni due settimane.

Numerosi controlli alle frontiere sono stati revocati per i cittadini dell’UE che viaggiano all’interno del blocco. Le regole future per i viaggiatori del Regno Unito fanno parte degli attuali negoziati sulla Brexit.

Ma i cittadini del Regno Unito devono ancora essere trattati allo stesso modo dei cittadini dell’UE fino alla fine del periodo di transizione della Brexit il 31 dicembre, afferma la Commissione europea.

Pertanto, durante questo periodo, i cittadini del Regno Unito e i loro familiari sono esenti dalle restrizioni temporanee di viaggio dell’UE.

Le nazioni dell’UE nella zona Schengen di 26 membri normalmente autorizzano i valichi di frontiera senza passaporto per i cittadini dell’UE, ma le autorità nazionali hanno ripristinato le restrizioni in questa crisi.

Il Regno Unito sta attualmente negoziando “ponti aerei” temporanei con diversi Stati membri dell’UE, in modo che la pandemia di coronavirus non blocchi completamente le vacanze estive – la stagione più trafficata in Europa per il turismo, che impiega milioni di persone.

Nelle discussioni dell’UE ci sono state divisioni tra quelle come la Spagna – che vogliono la spinta del turismo, ma preferiscono giocare in sicurezza perché sono state colpite così duramente da Covid-19 – e altre come la Grecia e il Portogallo, che dipendono dal turismo ma sono meno sfregiato dal virus.

READ  Il mercato azionario statunitense ha registrato risultati Disney, dati positivi per il settore dei servizi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *