Le reti di Dzanan Musa per onorare George Floyd con il messaggio della maglia della giustizia sociale

Le reti di Dzanan Musa per onorare George Floyd con il messaggio della maglia della giustizia sociale

Dzanan Musa non è di qui. Quando il giovane bosniaco si unì alle reti, non sapeva molto sugli Stati Uniti, e meno sull’ingiustizia razziale prevalente qui.

Ma quando lui e la sua ragazza hanno visto il video dell’omicidio di George Floyd del 25 maggio per mano della polizia, ha lasciato gli occhi aperti. E pieno di lacrime.

“La mia ragazza mi ha chiamato e piangeva per questo”, ha detto Musa. “Ne è stata molto emozionata. Mi stava dicendo: “Hai visto cosa è successo?” Non l’ho fatto, perché ero in pratica. Non sono troppo sui social media; negli ultimi tre o quattro mesi ho cercato di starne fuori. Ma quando l’ho visto, è stato orribile ”, ha dichiarato Musa via Zoom lunedì.

“Certo, è terribile dal mio punto di vista. Prima di tutto, non vengo dall’America e vedere che succede brutalità mi fa molto male al cuore. Sono con Black Lives Matter tutto il giorno. Ho intenzione di cambiare la mia maglia a Orlando per essere uguaglianza e pace “.

Mentre la stagione della NBA è stata chiusa a causa del COVID-19, circa la metà dei giocatori ha lasciato la città, mentre l’altra metà è rimasta a Brooklyn. Quest’ultimo gruppo è tornato con un vantaggio condizionante, incluso Musa, che ha deciso di non tornare a casa in Bosnia ed Erzegovina.

“Prendi Garrett Temple, Joe Harris, [Timothe Luwawu-Cabarrot], Dzanan Musa, in palestra puoi vedere la differenza nella loro velocità di lavoro “, ha detto il tecnico ad interim Jacque Vaughn. “Hanno una base e una base diverse sotto di loro.”

Dzanan MusaAnthony J. Causi

Con Kyrie Irving ferita e Spencer Dinwiddie in dubbio dopo un test coronavirus positivo, i Nets hanno firmato Tyler Johnson e nutrono grandi speranze per Chris Chiozza. Quindi i minuti perimetrali non saranno garantiti per Musa, 21. Dovrà guadagnarli, un processo che ha già avviato.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

“Ho deciso di rimanere a Brooklyn e cercare di migliorare il più possibile”, ha detto Musa. “Ho cercato di ingrassare, cercando di diventare più forte a casa, e poi quando ha aperto la palestra, sono stato prima in palestra a cercare di attirare l’attenzione di Jacque per fargli sapere che sono pronto per qualunque cosa”.

Musa ha una media di soli 4,2 punti in 35 partite con il 36 percento di tiro e non gioca dal 5 febbraio, prima della pausa All-Star.

“Nei cattivi giochi, stavo pensando troppo. Stavo cercando di impressionare tutti. Stavo cercando di fare troppe cose “, ha detto Musa.

“Da quel momento sono maturato molto, da febbraio ad oggi, solo per rendermi conto del mio ruolo nella squadra: dare energia, fare le giocate giuste e solo aiutare la mia squadra a vincere, senza pensare anche alle statistiche individuali tanto.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *