Le donne attaccano i manifestanti di Black Lives Matter con una mazza da hockey in Canada

Le donne attaccano i manifestanti di Black Lives Matter con una mazza da hockey in Canada

Due donne in Canada sono state filmate mentre attaccavano manifestanti con una mazza da hockey durante una manifestazione di Black and Indigenous Lives Matter sabato.

La polizia di Winnipeg ha dichiarato che stanno indagando sull’attacco contro un uomo di colore e una donna indigena nella protesta al di fuori dei terreni della legislatura di Manitoba, secondo Winnipeg Sun.

Una delle vittime, Theo Landry, 29 anni, ha detto che lui e la sua amica sono stati presi di mira dalle donne in un’auto – una delle quali era bianca – dopo che si era sdraiato brevemente sulla strada.

“Ciò che è accaduto il 4 luglio, sono stato rattristato ma non sorpreso”, ha detto al giornale.

C’erano quattro persone all’interno dell’auto quando si fermò e i suoi occupanti presumibilmente urlarono insulti razziali a Landry.

Ha detto al giornale che qualcuno dentro ha detto che se “avesse continuato a protestare si sarebbe fatto male”.

Landry ha detto che dopo che lui e la donna si sono alzati e si sono ritirati dagli altri manifestanti, la macchina è tornata verso di loro e ha spruzzato acqua sul parabrezza, spingendo la macchina a fermarsi.

Questo è quando una donna bianca esce, secondo un video che circola online che pretende di mostrare l’incidente e insegue Landry e il suo amico.

Landry disse che fu colpito due volte sul braccio dalla prima donna.

Un altro video mostra una seconda donna dall’interno dell’auto che prende la mazza da hockey e colpisce l’amico di Landry con la testa. Soffriva di una lacerazione alla testa, secondo Landry.

L’attacco ha lasciato Landry “un po ‘dolorante il giorno successivo, ma psicologicamente è il luogo in cui si riscontra il maggior pedaggio”, ha detto al giornale.

READ  USA: prosegue l'esodo da New York verso le periferie e altri stati

“Sapere che ci sono persone che ricorrono a tale rabbia per l’acqua è molto sproporzionato.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *