La sorella di Kim Jong Un afferma che è improbabile un altro vertice con Trump

La sorella di Kim Jong Un afferma che è improbabile un altro vertice con Trump

La potente sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un ha detto venerdì che non si aspetta che suo fratello terrà un altro vertice con il presidente Trump, a meno che Washington non offra un “cambiamento decisivo” nell’approccio e offra qualcosa in cambio.

Tra le ipotesi che potrebbe cercare un altro vertice con Kim se questo potesse aiutare le sue possibilità di rielezione a novembre, Trump ha detto questa settimana che “sicuramente” lo incontrerà di nuovo “se pensassi che sarebbe stato utile”.

Ma Kim Yo Jong ha gettato acqua fredda alla prospettiva venerdì, affermando in una dichiarazione rilasciata dall’agenzia di stampa centrale coreana ufficiale che “non è necessario che ci siediamo negli Stati Uniti in questo momento”, secondo Agence France-Presse.

Se si tenesse un vertice, aggiunse in un colpo su Trump, “è troppo ovvio che verrà utilizzato solo come noioso vanto proveniente dall’orgoglio di qualcuno”.

La denuclearizzazione, ha aggiunto Kim Yo Jong, “non è stato possibile a questo punto” – e potrebbe avvenire solo insieme a “passi irreversibili, simultanei, importanti” da parte degli Stati Uniti, che ha sottolineato non riferendosi alla revoca delle sanzioni.

Non ha elaborato, ma 28.500 truppe statunitensi sono schierate in Corea del Sud per difenderla dal regime canaglia a nord. Washington ha anche una serie di beni militari in Giappone e nella più ampia regione del Pacifico.

Kim Yo Jong non ha chiuso completamente la porta, tuttavia, dicendo: “Non lo sai mai”.

“Questo perché una cosa a sorpresa può ancora accadere, a seconda del giudizio e della decisione tra i due principali leader”, ha detto, aggiungendo che se c’è bisogno di colloqui al vertice, è un bisogno americano, mentre per Pyongyang è ” non pratico e non ci serve affatto. “

READ  Juventus, il giorno dopo di Pirlo: risolto il problema dei brevetti. E arriva anche la benedizione di Conte

Kim Yo Jong, che è considerato il miglior consigliere di suo fratello, è stato recentemente confermato come il suo massimo funzionario per gli affari intercoreani.

Trump e Kim Jong Un si sono incontrati tre volte da quando hanno intrapreso la diplomazia nucleare ad alto rischio nel 2018.

Ma i colloqui sono vacillati dal loro secondo vertice nel febbraio 2019, quando Washington ha respinto le richieste di Pyongyang di importanti sanzioni in cambio di una parziale rinuncia alla sua capacità nucleare.

“Vorremmo chiarire che ciò non significa necessariamente che la denuclearizzazione non sia possibile. Ma ciò che intendiamo è che non è possibile in questo momento “, ha detto Kim Yo Jong venerdì.

Con fili postali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *