La parte comunista del Nepal cerca le dimissioni del Primo Ministro KP Oli per le osservazioni sull’India

Il primo ministro nepalese KP Oli aveva affermato che l’India stava cospirando per rimuoverlo dal potere (File)

Kathmandu

Le recenti osservazioni del primo ministro nepalese KP Sharma Oli che gli sforzi sono stati fatti per estrometterlo dopo che il suo governo ha ridisegnato la mappa politica del Nepal hanno fallito, con i principali leader del partito comunista nepalese che chiedono le sue dimissioni martedì.

Non appena martedì è iniziata la potente riunione del comitato permanente del partito al governo presso la residenza ufficiale del Primo Ministro a Baluwatar, l’ex primo ministro Pushpa Kamal Dahal “Prachanda” ha sbattuto KP Oli per le osservazioni fatte domenica.

“Le osservazioni del Primo Ministro secondo cui l’India stava cospirando per rimuoverlo non erano né politicamente corrette, né diplomaticamente appropriate”, ha detto.

“Una simile dichiarazione del Primo Ministro potrebbe danneggiare i nostri rapporti con il vicino”, ha avvertito.

Domenica, il primo ministro KP Oli ha dichiarato che ci sono stati vari tipi di attività nelle “ambasciate e negli hotel” per rimuoverlo dal potere. Ha detto che anche alcuni leader nepalesi erano coinvolti nel gioco.

Non era appropriato che il primo ministro accusasse il vicino meridionale e i leader del suo stesso partito, un leader senior del partito ha citato Prachanda come detto durante l’incontro.

Oltre al primo leader Prachanda, i leader senior Madhav Kumar Nepal, Jhalanath Khanal, il vicepresidente Bamdev Gautam e il portavoce Narayankaji Shrestha hanno anche chiesto al primo ministro Oli di fornire prove delle sue accuse e gli ha chiesto di smettere, ha detto.

Dissero che il primo ministro avrebbe dovuto dimettersi per motivi morali dopo aver fatto tali “osservazioni non diplomatiche e non politiche”. Tuttavia, KP Oli, che era presente anche alla riunione, non ha fatto commenti.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Prachanda ha ripetutamente parlato della mancanza di coordinamento tra il governo e il partito e ha sottolineato un sistema “one man one position” che sarà seguito dal Partito comunista nepalese.

Non è la prima volta che i dirigenti senior chiedono al Primo Ministro KP Oli di dimettersi dal suo incarico. Anche ad aprile, a KP Oli è stato chiesto di dimettersi dal suo incarico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *