La moglie di Derek Chauvin vuole che entrambe le loro case divorziano

La moglie di Derek Chauvin vuole che entrambe le loro case divorziano

La regina della bellezza, estranea alla moglie dell’ex poliziotto di Minneapolis, Derek Chauvin – l’ufficiale accusato dell’omicidio di George Floyd – vuole che entrambe le case della coppia divorzino, secondo quanto riferito da un rapporto.

Kellie Chauvin, 45 anni, chiede la proprietà esclusiva della casa della coppia a Oakdale, nel Minnesota, del valore di $ 273.800 e della loro casa a Windermere, in Florida, che vale circa $ 226.282, Lo Star Tribune ha riferito.

Kellie, che una volta deteneva il titolo di signora Minnesota, ha chiesto il divorzio due giorni dopo che suo marito è stato accusato dell’omicidio del 25 maggio di Floyd, la cui morte ha provocato una resa dei conti a livello nazionale sul razzismo e sulla brutalità della polizia.

L’ex agente immobiliare ha rivelato nei documenti del tribunale che la coppia si è separata tre giorni dopo che Derek, che è bianco, è stato registrato in ginocchio per quasi nove minuti sul collo di Floyd, che era nero.

Kellie non sta cercando né ha offerto pagamenti per alimenti.

Ha richiesto una “divisione equa” dei beni personali, dei veicoli e di tutti i conti bancari, pensionistici e di investimento.

Dalla petizione sul divorzio non è chiaro se una delle case della coppia sia stata ipotecata, il che sarebbe fondamentale per determinare se acquisire entrambe sarebbe un vantaggio finanziario, hanno detto gli esperti al Tribune.

Derek, 44 anni, che è detenuto in carcere per cauzione di 1,25 milioni di dollari, ha mancato una scadenza per presentare una risposta e una petizione contraria, il che avrebbe messo in discussione qualsiasi proposta di Kellie.

READ  Qualcomm contro il governo degli Stati Uniti per revocare il divieto su Huawei

Non ha un avvocato indicato per il divorzio e il suo avvocato nel procedimento penale ha rifiutato di commentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *