La California esclude le informazioni LAPD nel database delle gang in mezzo allo scandalo

La California esclude le informazioni LAPD nel database delle gang in mezzo allo scandalo

Il principale ufficiale delle forze dell’ordine della California ha consentito l’accesso ai dati inseriti dal Dipartimento di Polizia di Los Angeles nel database delle gang dello stato nel corso di un’indagine criminale su oltre una dozzina dei suoi ufficiali per possibili falsificazioni.

In un annuncio di martedì, il procuratore generale della California Xavier Becerra ha dichiarato di aver revocato l’accesso ai record in CalGang generati dal LAPD. Le voci del dipartimento rappresentano circa il 25 percento dei circa 78.000 record nel database statale.

La mossa arriva dopo che tre ufficiali del LAPD sono stati accusati la scorsa settimana di falsificare le schede di intervista che hanno etichettato le persone come membri della banda o associati. Altri sedici agenti della divisione metropolitana del dipartimento sono attualmente sotto inchiesta per reati simili.

“L’ho detto prima e lo ripeto: CalGang è buono solo quanto i dati che vengono inseriti”, ha detto Becerra annunciando la mossa. “Se un quarto dei dati del programma è sospetto, l’utilità dell’intero sistema giunge giustamente al microscopio.”

Il capo della polizia di Los Angeles Michel Moore ha condotto un audit interno che ha confermato l’uso improprio del database. Da allora ha ritirato il dipartimento dalla partecipazione al sistema CalGang.

Un caso è stato presentato all’Ufficio del procuratore distrettuale della contea di Los Angeles per un totale di 19 agenti, un portavoce dell’ufficio aveva già detto a Fox News. Il LAPD ha rifiutato di commentare l’inchiesta.

I tre ufficiali accusati – Braxton Shaw, 37 anni, Michael Coblentz, 42 anni e Nicolas Martinez, 36 anni – sono entrambi accusati di un conteggio di cospirazione per ostacolare la giustizia e più conteggi di presentare un falso rapporto della polizia e preparare false prove documentali.

READ  Covid, Trump valuta nuove misure: banditi dagli USA alle persone infette

La scorsa settimana, il LAPD ha affermato che 21 agenti sono stati indagati per l’uso improprio delle schede di intervista, che vengono utilizzate dagli agenti di pattuglia quando parlano con membri del pubblico.

“Gli strumenti di sicurezza pubblica devono offrire un reale vantaggio al pubblico e resistere al test di durabilità del controllo costante”, ha affermato Becerra. “Ora dovrebbe essere ovvio per tutti: CalGang deve cambiare.”

Becerra è stata sotto pressione da parte dei gruppi di difesa dei diritti civili e della giustizia penale per ridimensionare il sistema CalGang dopo la morte del 25 maggio di George Floyd nella custodia della polizia di Minneapolis. Molti sostengono che il database viene utilizzato per colpire le minoranze che sono ingiustamente etichettate come membri di una banda.

“CalGang è emblematico del tipo di polizia che ha portato direttamente ai recenti disordini in tutto il paese”, leggi un lettera il mese scorso a Becerra firmato da diversi gruppi. “Unità di gang e altre pattuglie si scatenano in varie comunità, prendono di mira i neri e altre persone di colore, li fermano con pretesti come una fermata del traffico o una presunta fermata” consensuale “, usano gli stereotipi razzisti per giudicarli” membri della banda “e aggiungere il loro nomi e informazioni nel database da tracciare. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *