Joh Bolton, ex consigliere della Casa Bianca, afferma, il rifiuto del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sul briefing del piano di ricompensa russo

Bolton ha affermato che la reazione di Trump ha dimostrato che non ha dato la priorità alla sicurezza delle truppe statunitensi. (File)

Washington DC:

La negazione dei media da parte del presidente degli Stati Uniti Donald Trump riferisce che è stato informato dai funzionari dell’intelligence di una presunta cospirazione tra la Russia e i talebani sull’uccisione di truppe statunitensi in Afghanistan è “notevole”, ha detto domenica l’ex consigliere per la sicurezza nazionale (NSA) John Bolton ora locale).

“È davvero straordinario il fatto che il Presidente abbia fatto di tutto per dire che non ne ha sentito parlare. Uno si chiede, perché dovrebbe fare qualcosa del genere?” Bolton ha detto durante un’apparizione sull’emittente NBC News.

Venerdì, il New York Times ha citato fonti governative senza nome che affermano che a Trump è stato presentato un rapporto dell’intelligence secondo il quale Mosca potrebbe aver offerto doni ai talebani per l’uccisione di soldati statunitensi.

Domenica Trump ha negato di essere mai stato informato sulla questione, aggiungendo che anche il vice presidente Mike Pence e il capo dello staff Mark Meadows non hanno ricevuto informazioni sulle accuse. Il presidente ha sbattuto il giornale per aver diffuso quelle che chiamava notizie false.

Domenica, in un’apparizione separata sull’emittente della CNN, Bolton ha affermato che la reazione di Trump ha dimostrato che non ha dato la priorità alla sicurezza delle truppe statunitensi.

“Il fatto che il Presidente si senta costretto a twittare della notizia qui mostra che qual è il suo obiettivo fondamentale, non è la sicurezza delle nostre forze, ma se sembra che non stia prestando attenzione. Quindi sta dicendo bene che nessuno mi ha detto , quindi non puoi biasimarmi “, ha detto Bolton.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

L’ambasciata russa negli Stati Uniti ha confutato le accuse del New York Times e ha invitato l’amministrazione Trump ad agire dopo che la missione diplomatica ha ricevuto minacce in seguito alla pubblicazione della storia.

I talebani hanno anche negato le accuse del giornale, aggiungendo che erano un tentativo di ostacolare il ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *