James, veterinario centenario della Seconda Guerra Mondiale, ha combattuto lo sfratto

James, veterinario centenario della Seconda Guerra Mondiale, ha combattuto lo sfratto

Un veterano della Seconda Guerra Mondiale che ha superato la dura segregazione e ha appena celebrato il suo centesimo compleanno sta combattendo una nuova battaglia – contro lo sfratto dalla sua casa di Bedford-Stuyvesant.

Il centenario James Been afferma di temere che stia per essere sbalzato dalla sua residenza per tutta la vita perché non può rimborsare un prestito di $ 100.000 per la casa che ha ottenuto dalla banca JP Morgan Chase con la sua ormai defunta moglie, Christine, nel 2006, quando aveva 84 anni .

State sta ora combattendo nella Corte Suprema di Brooklyn per evitare di essere cacciato per strada – e sta sostenendo che non era giusto che la banca concedesse un prestito del genere a una persona di 80 anni.

“Sicuramente penso che il signor Been ne sia stato approfittato”, ha detto la sua procura, Belinda Luu. “Questo è stato un prestito concesso al culmine della crisi dei mutui subprime all’inizio della metà del 200. A quel tempo c’erano molti prestiti predatori abusivi nel mercato dei prestiti ipotecari. “

Nei documenti del tribunale che hanno risposto alla preclusione della banca, Been e il suo avvocato hanno affermato di essere anche vittima di una falsificazione.

“La copia del mutuo allegato al reclamo del querelante mostra indizi o contraffazioni che indicano che non è applicabile … almeno una delle firme per Mr. Been è stata falsificata”, ha detto Luu.

È stato firmato per il prestito con sua moglie dopo che l’ipoteca sulla casa di Halsey Street è stata pagata, secondo i documenti di prestito. Ma quando gli è stato chiesto delle circostanze del prestito, Been non ha ricordato di averlo sottoscritto e ha detto che non era necessario che si indebitasse.

READ  "Pazzia lasciare tutto aperto, così i casi sono raddoppiati"

“Mia moglie potrebbe aver preso un prestito – non io. Perché dovrei sottoscrivere un prestito di $ 100.000? Non ho bisogno di un prestito. Mio Dio ”, mi è stato detto al Post.

Gli avvocati della banca hanno presentato il caso di pignoramento nel dicembre 2018 dopo che Been non ha effettuato rimborsi mensili.

“È incredibile che sia sopravvissuto a 100 anni di nero in America e questa generazione sta ancora protestando per il riconoscimento che la sua vita è importante. Ha combattuto durante la seconda guerra mondiale, ha lavorato per tutta la vita e ha fatto tutto ciò che questo paese gli ha chiesto: non dovrebbe preoccuparsi di perdere la casa “, ha dichiarato Luu, avvocato presso Mobilization for Justice.

“Penso che sia sbagliato concedere un mutuo a qualcuno che ha 80 anni e che non ha la possibilità di pagare”.

Gli avvocati che gestiscono il caso per JP Morgan Chase non hanno fatto commenti immediati.

Il nativo di Brooklyn ha risieduto nella casa di Halsey Street che ha ereditato dai suoi genitori per quasi tutta la sua vita.

JP Morgan Chase e altre banche sono state criticate per aver erogato prestiti traballanti che secondo i critici hanno scatenato la crisi dei mutui subprime e la Grande recessione del 2008. JP Morgan ha raggiunto un accordo di 13 miliardi di dollari con il governo degli Stati Uniti nel 2013, sostenendo di aver eseguito cattivi mutui a cui ha venduto gli investitori.

Leader civici e vicini hanno visitato il venerdì a casa sua per festeggiare il suo traguardo centenario.

È stato servito come operatore radio nel Sud Pacifico come parte della divisione dell’esercito segregata, completamente nera, durante la seconda guerra mondiale. Ha poi lavorato per 30 anni come operatore di carrello e autista di autobus prima di ritirarsi dall’autorità di transito nel 1975.

READ  "Pazzia lasciare tutto aperto, così i casi sono raddoppiati"

“Siamo stati segregati nell’esercito. È stato stupido “, ha detto. “Stiamo tutti meglio insieme. Dovremmo praticare la Bibbia, non solo leggerla. “

Mi è stato ricordato di essere andato al cinema mentre era in uniforme a Spartanburg, nella Carolina del Sud, mentre era di stanza a Camp Crofit. Era l’unica persona di colore sulla linea.

“Mi è stato detto dall’agente di biglietteria di andare in giro sul retro dell’edificio per ottenere un biglietto. Sono stato ripreso. Mi ha dato i brividi “, ha detto il centenario.

“Sono appena arrivato dal nord. Ero in uniforme! “

Commentando l’omicidio della brutalità della polizia di George Floyd, è stato affermato che il trattamento delle forze dell’ordine per gli afro-americani deve migliorare.

“È stato terribile. Siamo tutti umani “, ha detto. “La polizia dovrebbe essere giusta. Stai dando alla polizia un brutto nome. Non è affatto giusto. Non mi sorprende. Ogni pochi anni si verificano questi incidenti. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *