Il proprietario dell'ospedale in Bangladesh avrebbe falsificato migliaia di test Covid-19

Il proprietario dell’ospedale in Bangladesh avrebbe falsificato migliaia di test Covid-19

Le autorità del Bangladesh affermano che Mohammad Shahed, 43 anni, che aveva eluso le autorità per nove giorni, è stato sorpreso mentre cercava di attraversare un fiume nella vicina India mentre indossava un burqa.

Shahed è accusato di fornire ai pazienti risultati falsi di test negativi per il nuovo coronavirus, ha affermato il colonnello Ashique Billah, portavoce del battaglione di azione rapida del paese, una forza di sicurezza d’élite.

Shahed è anche accusato di addebitare alle persone trattamenti anti-virus e documenti attestanti che non hanno contratto il coronavirus dopo aver concordato con il governo che avrebbe fornito tali servizi gratuitamente.

Billah ha affermato che due strutture mediche di proprietà di Shahed hanno condotto circa 4.000 test di coronavirus originali, ma hanno falsificato i risultati di altri 6.500.

Un tribunale giovedì ha concesso alla polizia l’opportunità di tenere Shahed in custodia per 10 giorni per essere interrogato. La CNN sta cercando di trovare un avvocato che rappresenti Shahed per un commento.

Shahed non è la prima persona in Bangladesh arrestata con l’accusa di aver commesso frodi mediche durante la pandemia. La settimana scorsa, i proprietari di un altro centro di collaudo privato sono stati arrestati per aver fornito certificati di prova Covid-19 falsi senza realmente testare le persone, hanno detto le autorità.

Gli esperti temono che queste truffe potrebbero scoraggiare le persone dall’essere testate in Bangladesh, che sta già affrontando una capacità di test limitata. Da marzo, il governo ha testato in media tra le 13.000 e le 17.000 persone al giorno, un numero relativamente piccolo per un paese con una popolazione di oltre 168 milioni di persone.

READ  Coronavirus, monitoraggio della fase 3: "Vi è una tendenza crescente di infezioni, Rt sopra 1"

Chi è alla ricerca di test ha dovuto affrontare ritardi frustranti, con molti costretti ad attendere in fila, a volte dall’oggi al domani. Il nuovo scandalo potrebbe influire sulla fiducia del pubblico nei test e dissuadere ulteriormente le persone dal testare del tutto.

Più di 193.500 persone in Bangladesh hanno contratto il virus, 2.457 dei quali sono morti, secondo i dati della Johns Hopkins University. Ma molti temono che il numero reale potrebbe essere molto più elevato a causa della limitata capacità di test del Bangladesh.

I critici si sono scagliati contro il governo per non aver fatto di più per proteggere le popolazioni vulnerabili, specialmente nelle aree densamente popolate come la capitale di Dhaka o lungo il delta del fiume Gange.

Il Bangladesh è stato bloccato per 68 giorni, ma è stato riaperto in “scala limitata” il 1 ° giugno per aiutare a rilanciare l’economia, nonostante il fatto che le autorità di sanità pubblica stiano ancora identificando migliaia di nuovi casi ogni giorno.

Le scuole rimangono chiuse ma sono stati aperti uffici e uffici pubblici.

L’Asia meridionale è uno degli hotspot di coronavirus attuali al mondo. L’India dovrebbe colpire 1 milione di casi confermati di Covid-19 in pochi giorni, mentre il Pakistan ha registrato più di 255.000 infezioni.

“Covid-19 si sta diffondendo ad un ritmo allarmante nell’Asia meridionale, sede di un quarto dell’umanità”, ha dichiarato John Fleming, a capo dell’unità sanitaria della Federazione internazionale delle Croce Rossa e delle Mezzaluna Rossa (IFRC) per l’Asia-Pacifico una dichiarazione giovedì.

“Ora dobbiamo rivolgere urgentemente la nostra attenzione a questa regione, intensificare urgentemente le misure di prevenzione ed espandere le nostre risorse per salvare migliaia di vite”, ha detto Fleming.

READ  Coronavirus, monitoraggio della fase 3: "Vi è una tendenza crescente di infezioni, Rt sopra 1"

La pandemia è stata particolarmente devastante per l’economia del Bangladesh. Sebbene i settori dei servizi e della tecnologia del paese siano cresciuti negli ultimi anni, la produzione di abbigliamento è ancora la spina dorsale economica del paese, con una stima di circa 30 miliardi di dollari all’anno.

Marchi e rivenditori di abbigliamento internazionali che fanno affidamento sulla manodopera a basso costo fornita dal Bangladesh hanno annullato o sospeso ordini per un valore stimato di 3,17 miliardi di dollari nel paese, ha dichiarato la CNN ad aprile alla CNN ad aprile.

Le fabbriche nel paese avevano sparso o licenziato più della metà dei quasi 4,1 milioni di lavoratori dell’abbigliamento entro aprile, ha detto l’associazione all’epoca.

Questa storia è stata aggiornata per riflettere accuratamente il giorno in cui Shahed è stato arrestato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *