General view during a press conference at the World Health Organization (WHO) on July 3, at the WHO headquarters in Geneva.

Il maggior numero di nuovi casi Covid-19 segnalati all’OMS nelle ultime 24 ore

Questa illustrazione, creata presso i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), rivela la morfologia ultrastrutturale esibita dai coronavirus. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC)

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno aggiornato la sua guida per le persone che si stanno isolando a casa con Covid-19 per prevenire la trasmissione del virus.

Offrono una strategia basata sul tempo e sui sintomi e un altro approccio basato sui test.

Qualcuno che è risultato positivo per Covid-19 e ha sintomi può interrompere l’isolamento 10 giorni dopo la comparsa dei sintomi per la prima volta, purché siano trascorse 24 ore dall’ultima febbre senza l’uso di farmaci che riducono la febbre e se sintomi come tosse e mancanza il respiro è migliorato.

Le persone con sintomi Covid-19 che si isolano a casa e con accesso ai test possono lasciare l’isolamento se la febbre è passata senza l’uso di farmaci, se c’è un miglioramento dei sintomi e se i test effettuati a più di 24 ore di distanza tornano negativi, secondo alle linee guida.

Le linee guida riviste sono state presentate online venerdì. Il CDC ha anche aggiornato la guida per le persone che sono isolate dopo essere risultate positive per Covid-19 ma che non presentano sintomi. L’agenzia ha raccomandato due opzioni: una strategia basata sul tempo e una strategia basata sui test.

Una persona senza sintomi può interrompere l’isolamento 10 giorni dopo il primo test positivo e se non hanno successivamente sviluppato sintomi.

“Poiché i sintomi non possono essere utilizzati per valutare dove si trovano questi individui nel corso della loro malattia, è possibile che la durata dello spargimento virale possa essere più lunga o più breve di 10 giorni dopo il loro primo test positivo”, ha avvertito il CDC.

Spargimento virale significa che una persona può passare il virus a qualcun altro.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Se una persona sviluppa sintomi, dovrebbe essere utilizzata la strategia basata sui sintomi o basata sui test, secondo le linee guida.

Le persone che si sono dimostrate positive per Covid-19 e che sono asintomatiche possono anche interrompere l’isolamento se i risultati di due test eseguiti a distanza di oltre 24 ore risultano negativi.

La decisione di porre fine all’isolamento “dovrebbe essere presa nel contesto di circostanze locali”, ha consigliato il CDC. Agli operatori sanitari che sono in stretto contatto con le popolazioni vulnerabili e le persone immunocompromesse – che potrebbero prolungare lo spargimento virale dopo il recupero – si raccomanda di isolare più a lungo.

Il CDC ha osservato che la guida aggiornata potrebbe “apparire in conflitto” con le raccomandazioni per le persone note per essere state esposte al virus. L’agenzia raccomanda una quarantena di 14 giorni dopo l’esposizione, in base al tempo necessario per sviluppare la malattia dal virus.

È possibile che una persona infetta possa lasciare l’isolamento prima di una persona messa in quarantena a causa della possibilità di essere infettata “, ha spiegato l’agenzia.

La precedente guida del 3 maggio aveva prolungato il periodo di isolamento a casa da 7 a 10 giorni dalla comparsa dei sintomi o dopo il primo test positivo. Il CDC ha affermato che questo aggiornamento è stato fatto “sulla base di prove che suggeriscono una maggiore durata della diffusione virale”.

L’agenzia ha avvertito queste raccomandazioni “impedirà la maggior parte, ma non può impedire a tutti, casi di diffusione secondaria”.

“Il rischio di trasmissione dopo il recupero è probabilmente sostanzialmente inferiore a quello durante la malattia; le persone guarite non spargeranno grandi quantità di virus a questo punto, se si stanno diffondendo”, ha detto l’agenzia.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *