I sindacati di Disneyland respingono contro la riapertura dei parchi in mezzo alla pandemia

I sindacati di Disneyland respingono contro la riapertura dei parchi in mezzo alla pandemia

I sindacati che rappresentano i lavoratori di Disneyland stanno respingendo i piani per riaprire il parco a tema il prossimo mese come casi di aumento del coronavirus in tutto il paese.

La coalizione dei sindacati del resort ha inviato la scorsa settimana una lettera aperta al Governatore della California Gavin Newsom che citava preoccupazioni per la salute dei lavoratori e degli ospiti del parco mentre la Disney cerca di riaprire l’autorizzazione dello stato.

Disney, che ha chiuso i suoi parchi statunitensi alla fine di marzo, all’inizio di questo mese ha programmato di riaprire Disneyland ad Anaheim, in California, a partire dal quartiere dello shopping e dei ristoranti del centro il 9 luglio. In attesa delle approvazioni dello stato e del governo locale, Disneyland Park e Disney California Adventure Park aprirà il 17 luglio.

Disney la scorsa settimana ha pubblicato una risposta alle preoccupazioni per la salute del sindacato da parte della dott.ssa Pamela Hymel, responsabile medico dei Parchi Disney, che ha riferito agli ospiti che i parchi stavano adottando un “approccio articolato” sotto la guida di agenzie governative tra cui i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Gli hotel del parco dovrebbero riaprire il 23 luglio. Anche il Disney World di Orlando, in Florida, dovrebbe riaprire il mese prossimo.

“In entrambi i parchi, ciò include la riduzione della capacità; controlli di temperatura per gli ospiti prima di entrare nei nostri parchi a tema; aumentare la pulizia e la disinfezione, specialmente nelle aree ad alto traffico; adattamento delle esperienze per adattarsi al distanziamento fisico; richiedere rivestimenti per gli ospiti di età pari o superiore a 2 anni; e responsabilizzare i nostri ospiti con opzioni come pagamenti senza contatto e un facile accesso alle posizioni di lavaggio delle mani e disinfettante per le mani “, ha scritto Hymel.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Nonostante tali misure, “ci sono numerose domande sulla sicurezza a cui Disney non ha ancora risposto”, secondo la lettera del 18 giugno, firmata da 10 presidenti sindacali di Disneyland. Tali domande, secondo la lettera, includono “qualsiasi discussione seria di” test “, che è stata la pietra angolare dei piani per la riapertura di altre aree del settore dello spettacolo.”

“Sfortunatamente, nonostante i colloqui intensi con l’azienda, non siamo ancora convinti che sia sicuro riaprire i parchi sul rapido calendario della Disney”, afferma la lettera.

Un separato petizione online ha iniziato a circolare su Change.org, chiedendo che la Disney spinga la riapertura a una data successiva quest’anno ha guadagnato quasi 50.000 firme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *