I residenti dell'East Village si legano ai loro preziosi maiali da compagnia

I residenti dell’East Village si legano ai loro preziosi maiali da compagnia

I newyorkesi sono disponibili in tutte le forme, dimensioni e zoccoli.

Un trio di Manhattanites ha legato la loro proprietà di alcuni degli animali domestici più unici nella città: i maiali.

Queelin, un maiale di 70 libbre, e Giblet, un suino maculato di tre anni, sono tra i più grandi nomi che chiamano l’East Village costellato di stelle.

“Siamo stati fermati da alcune celebrità. Tutti ti fermano, tutti sono curiosi “, ha detto Nick, che possiede Giblet e ha condiviso le foto del suo maiale di tre anni che lo martella con gente come Hilary Duff e Alan Cumming.

“In realtà sono un introverso”, ha riso. “Quindi posso essere stressato.”

Queelin, nel frattempo, di solito può essere avvistato a Stuyvesant Park, dove la sua proprietaria, Ann Jenkins, la porta a fare una passeggiata.

“Alla gente del parco piace lei perché mangia molte erbe infestanti e fa un po ‘di pulizia”, ​​ha scherzato Jenkins, 58 anni.

Jenkins e Nick si incontrarono attraverso un comune amico che cercava di riunire una rara razza di newyorkesi: i proprietari di maiali. Da allora hanno conosciuto un terzo proprietario di maiali nella zona e hanno provato a tenere le date di gioco dei maiali.

Ma ai loro animali domestici non potrebbe importare di meno.

“Sono un obiettivo è mangiare”, ha detto Nick. “I maiali sono molto disinteressati gli uni agli altri.”

I grandi maiali sono ugualmente perplessi dalla loro fama locale, tra cui Giblet, che ha accumulato più di 7000 follower su Instagram.

“Ci fermiamo ad ogni singola passeggiata e tutto il resto [Giblet] ci tengo a me – e alla ricerca di qualunque immondizia riesca a trovare ”, ha aggiunto Nick.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

La legge della città proibisce che i maiali siano tenuti come animali domestici nella Grande Mela, ma ciò non ha fermato una piccola rete di newyorkesi.

Jenkins ha sentito parlare di maiali da compagnia in tutta la città, come Franklin, il mascotte adorata di un negozio di ferramenta di Williamsburg.

In una disputa di alto profilo nel 2017, l’amministrazione de Blasio ha cercato di catturare Wilbur, un porco domestico, dai suoi proprietari sull’isola di Staten – solo per arretrare dopo che il supporto è arrivato attraverso una campagna online #savewilbur.

Il senatore dello stato Tony Avella ha introdotto la legislazione nel 2013 per legalizzare i maiali da compagnia di peso inferiore a 200 sterline. Ma Jenkins non sembrava sperare che presto arrivasse un sollievo e ha sottolineato che possedere un maiale richiede molto lavoro.

“Richiedono molta attenzione e stimolo e non amano essere lasciati soli tutto il giorno”, ha detto. “Preferirei se fossero legali, ma non è qualcosa che è giusto per tutti”.

Nick concordò, tuttavia, che l’affetto di Giblet non ha rivali.

Un trio di Manhattanites ha legato con maiali da compagnia.
Un trio di Manhattanites ha legato con maiali da compagnia.Steven Hirsh

“Sono estremamente affettuosi e amorevoli proprio come i cani”, ha detto Nick. “Stava dormendo nel mio letto da quando l’ho preso e ora è più di 100 sterline e continua a salire nel letto”.

Jenkins ha detto di aver adottato Queelin quando era un maialino come richiesta di sua figlia, che era diventata ossessionata dalle creature dopo essersi esibita come Wilbur in una commedia del “Web di Charlotte” quando aveva 8 anni.

Jenkins ha creato un elenco di requisiti che sua figlia dovrebbe completare prima di essere costretta ad adottare un maiale da compagnia – requisiti come la ricerca delle responsabilità di proprietà e il parlare con esperti in materia.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

“Le ci sono voluti circa cinque anni, ma alla fine ho finito i modi per dire” No “, ha detto Jenkins.

Giblet si è dimostrato particolarmente fotogenico ed è stato oggetto di numerosi servizi fotografici, tra cui uno con il comico Chloe Fineman di Saturday Night Live.

Anche se Nick non vede Hollywood nel futuro di Giblet.

“È così difficile trascinare il culo di un maiale a un servizio fotografico”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *