rahul gandhi

Govt panel per sondare le violazioni della Rajiv Gandhi Foundation

Il Ministero degli affari interni dell’Unione ha istituito un comitato interministeriale per sondare le varie violazioni delle disposizioni legali della Fondazione Rajiv Gandhi, Rajiv Gandhi Charitable Trust e Indira Gandhi Memorial Trust.

Il comitato coordinerà le indagini sulla violazione di disposizioni come la prevenzione del riciclaggio di denaro (PMLA), la legge sull’imposta sul reddito e la legge sul contributo straniero (regolamento) (FCRA) da parte di queste fondazioni, ha affermato un funzionario del Ministero degli Interni.

Il funzionario ha dichiarato che un direttore speciale della direzione dell’applicazione sarà a capo del comitato.

La Fondazione Rajiv Gandhi è stata fondata il 21 giugno 1991. La fondazione lavora su una serie di questioni, tra cui l’alfabetizzazione, la salute, la disabilità, l’empowerment dei poveri, il sostentamento e la gestione delle risorse naturali. Le sue attuali aree di interesse sono l’educazione, la disabilità e la gestione delle risorse naturali.

Il presidente del Congresso Sonia Gandhi è il presidente della Rajiv Gandhi Foundation. L’ex primo ministro Manmohan Singh, l’ex presidente del Congresso Rahul Gandhi, sua sorella Priyanka Gandhi Vadra e il leader senior del Congresso P. Chidambaram sono membri del consiglio di amministrazione.

La mossa del Centro ha seguito le recenti accuse lanciate dal BJP al potere

La mossa del Centro ha seguito le recenti accuse lanciate dal partito al potere Bharatiya Janata (BJP) al Congresso e alla famiglia Gandhi sostenendo che la Cina aveva finanziato la Fondazione Rajhi Gandhi.

Il mese scorso, il ministro dell’Unione Ravi Shankar Prasad, citando alcune prove documentali, ha chiesto una spiegazione al Congresso per spiegare perché l’ambasciata cinese abbia donato circa Rkh 90 lakh alla Fondazione Rajiv Gandhi.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Si sostiene che l’ambasciata della Repubblica popolare cinese in India e il governo della Repubblica popolare cinese siano donatori della Fondazione Rajiv Gandhi.

È stata inoltre presentata una petizione dinanzi alla Corte suprema per cercare un’indagine nel protocollo d’intesa tra il Congresso e il Partito comunista cinese firmato nel 2008.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *