Gli Stati Uniti limitano i voli speciali dall’India, sostiene le pratiche sleali

L’azione contro l’India segue settimane di restrizioni DOT contro le compagnie aeree cinesi.

Lunedì il governo degli Stati Uniti ha limitato i voli charter dall’India, accusando la nazione di “pratiche sleali e discriminatorie” violando un trattato che regola il trasporto aereo tra i due paesi.

Air India Ltd. ha effettuato voli per rimpatriare i propri cittadini durante le interruzioni del viaggio causate dall’epidemia di Covid-19, ma ha anche venduto biglietti per il pubblico, ha affermato il dipartimento dei trasporti.

Allo stesso tempo, alle compagnie aeree statunitensi è stato proibito di volare in India dai regolatori aeronautici, ha affermato il DOT nel suo ordine. La situazione “crea uno svantaggio competitivo per i vettori statunitensi”, ha affermato l’agenzia in un comunicato stampa.

Air India sta pubblicizzando un programma che rappresenta oltre la metà delle operazioni pre-virus, ha detto il dipartimento. “Le carte vanno oltre i veri rimpatri e sembra che Air India stia usando le carte di rimpatrio come un modo per aggirare” le restrizioni di volo di quella nazione, ha detto l’agenzia statunitense.

L’ordine diventa effettivo in 30 giorni, ha affermato il dipartimento.

Le compagnie aeree indiane devono richiedere l’autorizzazione al DOT prima di condurre voli charter in modo che possa esaminarli più da vicino, ha affermato. Il dipartimento riconsidererà le restrizioni una volta che l’India avrà revocato le restrizioni sui vettori statunitensi.

L’azione contro l’India segue settimane di restrizioni DOT contro le compagnie aeree cinesi dopo che l’agenzia statunitense ha accusato quella nazione di bandire ingiustamente i vettori americani a seguito del virus. Il 15 giugno, gli Stati Uniti hanno annunciato che avrebbero accettato di consentire quattro voli settimanali dalla Cina dopo aver concesso lo stesso numero ai vettori statunitensi.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

I tentativi di raggiungere Air India e l’ambasciata indiana a Washington dopo l’orario di lavoro non ebbero successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *