Distanziamento sociale sugli aerei “bello” ma irrealistico, dice Emirates

distanza sociale su aeromobili “simpatici” ma irrealistici, ha affermato la compagnia aerea. (Rappresentativo)

Dubai:

La compagnia aerea Emirates ha dichiarato giovedì che non è realistico stabilire il distanziamento sociale degli aerei lasciando vuoti i posti per frenare la diffusione del coronavirus, poiché il costo sarebbe troppo elevato da sostenere.

Il più grande vettore del Medio Oriente, che gestisce una flotta di 270 velivoli di grandi dimensioni, ha interrotto le operazioni a fine marzo come parte degli arresti globali per aiutare a contenere il virus.

Emirates ha ripreso le operazioni due settimane dopo su una rete limitata e prevede di volare in 58 città entro la metà di agosto, in calo da circa 157 prima della crisi.

“Tutti questi discorsi sulla distanza sociale all’interno del velivolo sono piacevoli”, ha detto Boutros Boutros, responsabile della comunicazione aziendale di Emirates, durante una conferenza d’affari a Dubai. “Ma … vorremmo tornare alla normalità.”

“L’economia del velivolo si basa sul riempimento, sul riempimento dei posti”, ha detto. “Avere lo spazio (vuoto) non credo che sarà un’opzione a meno che il passeggero non sia disposto a pagare.”

“Ciò che desideriamo è una cosa, ma la realtà è un’altra.”

Il corriere è stato costretto a tagliare un decimo della sua forza lavoro in licenziamenti che potrebbero salire al 15 percento, o 9000 posti di lavoro.

Prima della crisi, Emirates impiegava circa 60.000 dipendenti, inclusi 4.300 piloti e quasi 22.000 membri dell’equipaggio di cabina.

Il presidente Tim Clark ha affermato che potrebbero essere necessari fino a quattro anni prima che le operazioni tornino a “un certo grado di normalità”.

L’amministratore delegato degli aeroporti di Dubai, Paul Griffiths, ha dichiarato che durante la conferenza l’impatto sull’aeroporto internazionale della città è stato “rapido” e “drammatico”.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

“Siamo passati da 1.100 voli in una giornata tipica, a 280.000 passeggeri, fino a 17 voli nello spazio di tre giorni”, ha detto ai partecipanti, le cui sedie erano distanziate in base alle linee guida di distanza sociale.

Ha detto che 44.000 passeggeri hanno attraversato l’aeroporto per tutto il mese di maggio, più o meno lo stesso “che normalmente viviamo … in quattro ore”.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è generata automaticamente da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *