Coronavirus nel mondo: infezioni, aggiornamenti e tutte le notizie sulla situazione

Coronavirus nel mondo: infezioni, aggiornamenti e tutte le notizie sulla situazione

Nel mondo, la cifra di 650 mila morti è stata superata. L’America Latina e i Caraibi sono ora l’area del mondo con il maggior numero di persone colpite dal coronavirus. Gli Stati Uniti continuano a essere il solo Paese con il maggior numero di infezioni e decessi, con oltre 4,2 milioni di casi e circa 146 mila decessi, anche se nelle ultime 24 ore si è registrato un leggero calo nei nuovi casi (55 mila contro oltre 60 migliaia dei giorni precedenti). Il secondo paese più colpito al mondo è il Brasile con 2,4 milioni di casi e quasi 87 mila decessi.

La situazione nel mondo: grafici e mappe
La cronologia

LA SITUAZIONE NEL MONDO: GRAFICI E MAPPE


Germania, requisito di buffer per coloro che rientrano dalle aree a rischio

Tamponi obbligatori ma gratuiti per chi ritorna da “aree a rischio” in Germania. Lo ha annunciato il ministro della sanità tedesco Jens Spahn, che ha affermato che “ordinerà il requisito del test” per proteggere la salute dei cittadini. “Dobbiamo impedire a coloro che tornano dall’estero di infettare altre persone senza rendersene conto, scatenando così nuove catene di infezione”, ha detto Spahn, che ha informato i vari ministri della salute dei Laender del suo piano durante una sessione di videoconferenza. , come riportato da vari media tedeschi, tra cui la Sueddeutsche Zeitung. Secondo i media, la misura potrebbe entrare in vigore la prossima settimana.

La base legale per la decisione di Spahn è nella legge tedesca sulla protezione dalle infezioni, che prevede questo tipo di misure in presenza di una “epidemia su base nazionale” e consente al ministero competente di ordinare test medici contro le persone che entrano in Germania da aree in cui c’è un alto rischio di infezione. Tamponi gratuiti volontari sono già disponibili in vari aeroporti tedeschi per coloro che rientrano dalle cosiddette aree a rischio. Coloro che risultano positivi dovranno andare in quarantena a casa per due settimane. Attualmente l’elenco delle aree a rischio è quello indicato dal Robert Koch Institut, il centro epidemiologico nazionale: il criterio è che se in alcuni Stati e regioni sono state registrate più di 50 nuove infezioni per 100 mila abitanti.

Ottantamila turisti evacuati da Da Nang in Vietnam

Le autorità hanno deciso di chiudere la città costiera di Da Nang ed evacuare circa 80 mila persone, principalmente cittadini vietnamiti in vacanza nella famosa zona turistica e domestica, dopo che sono stati registrati quattro nuovi casi di coronavirus trasmessi localmente. L’ultimo caso di contagio nel paese risale allo scorso aprile. Le operazioni di evacuazione dureranno almeno quattro giorni: il governo ha organizzato circa 100 voli al giorno da Da Nang verso 11 città del paese. Il paese non ha mai avuto morti per Covid.

Cina, il maggior numero di casi da marzo

La Cina ha riferito 61 nuovi casi di Covid-19 domenica, 57 dei quali sono stati trasmessi localmente e quattro importati: il peggiore è stato dei 75 casi segnalati il ​​6 marzo. Secondo i dati diffusi dalla National Health Commission, sono state rilevate 41 infezioni nello Xinjiang, la regione oggi più a rischio, 14 nella provincia di Liaoning e 2 nella provincia di Jilin. Per quanto riguarda i casi importati, due riguardano la Mongolia interna, mentre Fujian e Sichuan ne avevano uno ciascuno. Sono stati accertati 44 nuovi asintomatici. Nessun nuovo caso, tuttavia, in Hubei, dove è iniziata la pandemia.

Corea del Nord, il disertore non aveva il coronavirus

Il disertore nordcoreano che è tornato a casa non aveva Covid 19 e non era entrato in contatto con aspetti positivi, ha riferito il Ministero della Salute sudcoreano, presentando i test negativi di due persone che sono venute a stretto contatto con l’uomo, indicato ieri dalle autorità di Pyongyang come il primo “caso sospetto” nel paese, abbastanza per spingere il leader Kim Jong-un a dichiarare “il massimo allarme” e per ordinare il blocco della città di Kaesong.

Hong Kong: sosta ai ristoranti

Hong Kong annuncia nuove restrizioni per mitigare la pandemia. Tra le misure che entreranno in vigore mercoledì c’è la chiusura di tutti i ristoranti e l’obbligo di indossare una maschera non appena si esce di casa. Da gennaio sono stati identificati più di 2.600 positivi nell’ex colonia britannica, 19 dei quali sono morti.

Usa, positivo il consigliere per la sicurezza nazionale

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Robert O’Brien, uno dei collaboratori più stretti di Donald Trump, è risultato positivo al coronavirus. È il più alto funzionario dell’amministrazione Trump ad essere stato infettato.

Non è chiaro come sia stato esposto al coronavirus o quanti contatti abbia avuto recentemente con il presidente.

Trump rinuncia alla prima palla nello Yankee Stadium

Il presidente degli Stati Uniti non lancerà la prima palla durante la prima partita di baseball della Major League in programma il 15 agosto allo Yankee Stadium di New York. “Sono molto concentrato” sul coronavirus, i vaccini e l’economia, ha scritto in un tweet Donald Trump, assicurandosi che ci riprovi più avanti nella stagione. La mossa fa parte della nuova strategia del leader americano che dopo mesi ha deciso di mostrare agli americani che sta prendendo molto sul serio l’epidemia di Covid-19.

Il Venezuela prolunga la quarantena a Caracas

Il presidente del Venezuela Nicolás Maduro ha esteso le restrizioni in atto a Caracas e altre sei compagnie aeree per frenare l’avanzata del coronavirus. La capitale e le aree di Miranda, Vargas, Zulia, Tachira, Bolivar e Sucre entrano in “quarantena totale a causa dell’aumento del numero di casi”, ha spiegato il leader in televisione. Il Venezuela ha 30 milioni di abitanti e finora ha registrato 15.463 infezioni e 142 morti, secondo i dati ufficiali.

Brasile, oltre 87 mila morti

Il numero di persone che hanno perso la vita in Brasile è salito a 87.004. Annunciato l’ultimo rapporto del Ministero della Salute brasiliano. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 24.578 nuovi casi, portando il numero totale di persone infette a 2.419.091. Lo stato di San Paolo, dove è stato segnalato il primo caso dell’America Latina il 26 febbraio, è quello più colpito in Brasile con oltre 21 mila morti.

in riproduzione ….

Blocco in Marocco

A partire da mezzanotte, le più grandi città del paese nordafricano chiuderanno le porte da e verso di loro: Casablanca, Tangeri, Marrakech, Fez e Meknes. Il paese ha revocato il blocco un mese fa, sebbene i voli internazionali siano ancora sospesi, ma una seconda ondata di contagi sta costringendo il governo ad adottare nuove misure. Il Ministero della Salute ha dichiarato che sono stati registrati 633 nuovi casi, uno dei maggiori incrementi giornalieri finora, portando il numero totale di positivi a 20.278, con 313 morti e 16.438 recuperi. Il Marocco ha effettuato un milione di test e reso obbligatorio l’uso della maschera.


# messaggio-abbonamento{background-color:# f1f1f1;imbottitura:48px 16px;blocco di visualizzazione;margine:32px 0 16px;bordo superiore:2px solido # f3bb02;bordo inferiore:2px solido # f3bb02;posizione:relativa}# abbonamento-messaggio p{font-family:georgia;stile carattere:corsivo;dimensione carattere:24px;altezza della linea:30px;colore:# 3c3c3c;margine inferiore:8px}.subscription-message_author{font-family:side;trasformazione del testo:maiuscolo;dimensione carattere:14px;text-align:right;blocco di visualizzazione;margine inferiore:32 px;margine destro:16px;font-weight:grassetto}# messaggio-abbonamento a{display:block;larghezza:210px;imbottitura:8px;colore:#fff;bordo inferiore:nessuno;colore di sfondo:# e84142;text-align:center;margine:0 auto;bordo-raggio:3px;famiglia di caratteri:side,sans-serif;dimensione carattere:17px;altezza della linea:24px;-webkit-box-shadow:0 0 20px 0 rgba (0,0,0,0,6);–moz-box-shadow:0 0 20px 0 rgba (0,0,0,0,6);box-shadow:0 0 20px 0 rgba (0,0,0,0,6)}# messaggio-abbonamento a:hover{background-color:# db1b1c;bordo inferiore:nessuno;-webkit-box-shadow:0 0 0 0 rgba (0,0,0,0,6);-moz-box-shadow:0 0 0 0 rgba (0,0,0,0,6);box-shadow:0 0 0 0 rgba (0,0,0,0,6)}

Non siamo una parte, non cerchiamo il consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma siamo in piedi grazie ai lettori che ci acquistano in edicola ogni mattina, guardano il nostro sito o si iscrivono a Rep:.
Se sei interessato a continuare ad ascoltare un’altra campana, forse imperfetta e alcuni giorni irritante, continua a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Iscriviti a Repubblica

->

->

READ  USA: continuo esodo da New York verso periferie, altri stati - Nord America

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *