Coronavirus Usa, mille morti al giorno dalla “riapertura” di aprile

Coronavirus americano, mille morti al giorno dalla “riapertura” di aprile

Dal 24 aprile, dopo che la chiusura è stata allentata, 91.000 vittime di Covid-19 sono state segnalate negli Stati Uniti in 92 giorni, con una media di 989 morti al giorno, rispetto ai 692 in media registrati prima della riapertura. Un aumento del 68%. Nei 78 giorni successivi al primo caso accertato, il 6 febbraio, alla fine dell’isolamento “, alla fine di aprile, i decessi erano stati 54 mila

Gli Stati Uniti, dalla “riapertura” dopo l’isolamento per limitare il coronavirus dal 24 aprile (AGGIORNAMENTI IN DIRETTALO SPECIALE), ha registrato le morti di 91 mila persone infettate da Covid-19 in 92 giorni, con una media di quasi mille morti al giorno, 989 per la precisione, rispetto a 692 in media registrati prima della riapertura dal blocco. L’aumento è quindi del 68 percento, segnala la CNN. Nei 78 giorni dal primo caso accertato, il 6 febbraio, fino alla fine dell’isolamento, alla fine di aprile, ci sono stati 54.000 morti (L’ALLARME CHI SIAMO SU CONTATTILE FASI).

I casi di Georgia e California

Guarda anche

La Georgia è stata la prima a uscire dall’isolamento, uno dei meno colpiti, che ha riaperto parrucchieri, palestre e piste da bowling. Ora lo stato meridionale è diventato il settimo nel numero di infezioni, con 161 mila casi e quasi 3.500 morti. La California, nel frattempo, ha superato New York, diventando lo stato più colpito in America con 440.000 infetti, seguito dalla Florida con 414.000 casi.

READ  Da Israele agli Stati Uniti: dove le scuole sono state aperte e immediatamente chiuse a causa di troppe infezioni

I dati a New York

Guarda anche

New York, che era stata lo scoppio del paese fino a maggio, è ora il terzo stato più colpito, superato anche dalla Florida. In totale, secondo i dati della Johns Hopkins University, negli Stati Uniti sono stati finora registrati 4 milioni 128 mila casi e 145.700 morti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *