Clint Frazier si è lamentato del ruolo degli Yankees che avrebbe potuto essere

Clint Frazier si è lamentato del ruolo degli Yankees che avrebbe potuto essere

L’attesa per Clint Frazier sembra destinata a continuare.

Tutti i segnali indicavano che Frazier stava ottenendo molto tempo in campo esterno all’inizio della stagione regolare, con Aaron Judge, Aaron Hicks e Giancarlo Stanton che affrontano tutti gli infortuni durante l’allenamento primaverile.

Poi è arrivato lo spegnimento a marzo a causa del coronavirus, e ora che si sta avvicinando il reset del giorno di apertura, tutti i giocatori di outfielder dovrebbero essere pronti a giocare.

“È frustrante dal momento che sapevo che il mio tempo di gioco sarebbe stato limitato quanto più tempo ci fosse per il licenziamento”, ha detto Frazier domenica. “Ma ovviamente quei ragazzi hanno un ruolo davvero importante nella nostra squadra. Voglio giocare, ma non voglio che vada a scapito di qualcuno ferito e che io giochi per questo. Voglio guadagnarlo. “

E sarà quasi impossibile se Judge, Hicks e Brett Gardner sono in salute.

Frazier avrà 26 anni a settembre ed sono passati quasi quattro anni da quando è entrato nel commercio che ha inviato Andrew Miller agli indiani. È stato messo da parte da commozioni cerebrali e altri infortuni e sperava di avere un impatto maggiore nel 2020.

“È stato un grande anno nel senso che mi sentivo come se avessi avuto buone possibilità negli allenamenti primaverili di esibirmi come ho fatto l’anno scorso”, ha detto Frazier. “Ho molti … obiettivi che voglio raggiungere e, ovviamente, in 60 partite, è difficile farlo. In primavera è stato un grande momento per me avere un posto, e forse è stato portato via. Probabilmente no. ”

Clint Frazier
Clint FrazierCharles Wenzelberg / New York Post

Con le squadre autorizzate a mantenere 30 giocatori nel roster per le prime due settimane della stagione, Frazier potrebbe ancora avere la sua possibilità, anche se ha a che fare con la fascite plantare nel suo piede destro.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Ha servito come DH nel gioco simulato di domenica, e il manager Aaron Boone ha detto che potrebbe tornare in campo esterno non appena martedì.

Anche Frazier ha apportato modifiche al suo corpo.

È entrato nel campo più pesante di quanto non abbia fatto in passato e ha detto che ha continuato a ingrassare durante l’allenamento primaverile, diventando infine “15-20 libbre” più pesante di un anno fa.

Frazier ha detto che gli è stato detto che il peso aggiunto potrebbe aver causato il piede infortunato e che è migliorato da quando ha perso la maggior parte del peso che inizialmente aveva messo.

“Stavo cercando di aumentare di peso e alla fine non credo che il mio corpo potesse gestirlo perché la seconda primavera è finita, ho iniziato a perdere peso”, ha detto Frazier.

Inizialmente aveva creduto che il grosso avrebbe giovato al suo gioco, ma poi aveva ripensato.

“Mi sentivo in grado di oscillare un po ‘più forte”, ha detto Frazier. “Sentivo di avere più peso dietro la palla e la colpivo un po ‘più forte, ma in alcune aree mi sono sentito ostacolato. Non ero così veloce, mi sentivo, in primavera. Mi ha reso più difficile lanciare il modo in cui ero abituato a lanciare. “

Da quando ha perso peso, dice di essere “privo di sintomi”.

Boone ha detto che capisce perché Frazier avrebbe potuto cercare di diventare più forte, indicando Bryson DeChambeau, il 26enne che ha preso d’assalto il PGA Tour da quando ha aggiunto 40 chili di muscoli.

“Molte persone lo hanno messo in dubbio, ma sembra funzionare”, ha detto Boone sulla trasformazione fisica di DeChambeau. “Ho molta fiducia nel nostro programma di forza e condizionamento. Con Clint vedremo qual è il numero giusto per lui, ma mi sento entrambi [the weight gain and loss] veniva da un luogo di lavoro. “

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Ecco perché Boone è fiducioso che Frazier sia pronto a contribuire, sia fisicamente che mentalmente.

“Continua a maturare come persona e professionista”, ha detto il manager. “Non ho mai avuto problemi con la sua etica del lavoro, ma sento che il suo lavoro ha continuato a diventare migliore, più forte e più intelligente in ogni aspetto.”

E questo include il suo lavoro in campo esterno, che è stato un problema.

“Non è come se stessimo prendendo un ragazzo che non è un buon atleta e ha queste aspettative”, ha detto Boone. “Questo è un ragazzo che ha la possibilità di essere davvero bravo grazie alle sue capacità.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *