Caso Michael Flynn: rigetto degli ordini della corte d'appello

Caso Michael Flynn: rigetto degli ordini della corte d’appello

Nonostante Flynn si sia dichiarato due volte colpevole di aver mentito all’FBI riguardo alle sue conversazioni con l’allora ambasciatore russo Sergey Kislyak durante la transizione presidenziale, il Dipartimento di Giustizia si è trasferito il mese scorso per archiviare il caso contro di lui. Sullivan non ha agito immediatamente, chiedendo invece una revisione della decisione.

Il caso di Flynn è diventato una pietra miliare per il presidente Donald Trump e i suoi sostenitori nelle loro critiche alle indagini sulla Russia dell’FBI e nel procedimento legale del consigliere penale Robert Mueller contro diversi associati della campagna Trump.

Alla fine di aprile, Trump, il team legale e gli alleati conservatori di Flynn si sono impadroniti della divulgazione di una nota scritta a mano da un alto funzionario dell’FBI che delineava come gli agenti possono sottoporre Flynn a un processo per negoziare illegalmente con un governo straniero o “farlo mentire” o “farlo licenziare”. Trump ha usato il documento per sostenere che Flynn dovrebbe essere “esonerato” e che le accuse dovrebbero essere ritirate. Ha anche suggerito di prendere in considerazione un perdono completo per Flynn.

La giuria di tre giudici della Corte d’Appello del Circuito DC ha deciso mercoledì che il giudice del processo, Sullivan, non aveva abbastanza motivi per mettere in discussione le decisioni sull’accusa del DOJ in questo caso. Hanno anche detto che Sullivan con un avvocato di terze parti che pesa sul caso di Flynn, l’ex giudice John Gleeson, non è più necessario.

Sullivan “non giustifica le intrusioni senza precedenti del tribunale distrettuale sulla libertà individuale e l’autorità di addebito dell’Esecutivo”, ha scritto il giudice della corte d’appello della DC Neomi Rao, nominato da Trump, nell’opinione della maggioranza.

CORRELATO: Il caso Michael Flynn è l’ultimo test di separazione dei poteri durante gli anni di Trump

Giudice d’appello Il giudice Robert Wilkins non è stato d’accordo con la decisione di Rao e del giudice Karen Henderson di mettere immediatamente in cortocircuito il caso Flynn nel tribunale. È possibile che il caso possa continuare nei futuri ricorsi, dato che si tratta in gran parte del potere del potere giudiziario, un argomento importante in un caso in cui altri giudici della corte di appello potrebbero interessarsi.

READ  Piccola mossa del mercato azionario statunitense in attesa di un nuovo pacchetto di stimolo fiscale

Questa storia si sta spezzando e verrà aggiornata.

Veronica Stracqualursi della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *