Apple iOS 12 USB Restricted Mode

Apple, altri beni statunitensi provenienti dalla Cina hanno resistito nei porti indiani

I prodotti Apple, Cisco e Dell sono tra le merci delle società statunitensi coinvolte nelle tensioni di confine tra India e Cina, mentre i porti indiani sostengono le importazioni dalla Cina, secondo quanto riferito da Reuters mercoledì.

Sebbene non sia stato emesso alcun avviso governativo, i funzionari doganali dei principali porti indiani hanno trattenuto i container provenienti dalla Cina, in cerca di ulteriori autorizzazioni, hanno detto fonti governative e industriali.

I clienti si trovano sotto il logo Apple presso il negozio Apple nella stazione Grand Central di New York City, 21 luglio 2015.REUTERS / Mike Segar

La mossa arriva tra le crescenti tensioni tra India e Cina dopo gli scontri al confine della scorsa settimana che hanno visto la morte di almeno 20 soldati indiani. Il Forum di partenariato strategico USA-India (USISPF), un gruppo di lobby che rappresenta le aziende statunitensi, ha dichiarato al ministero del commercio indiano in una lettera del 23 giugno che la mancanza di chiarezza e ritardi potrebbero interrompere le attività commerciali e manifatturiere.

“Le autorità hanno interrotto bruscamente lo sdoganamento delle spedizioni del settore provenienti dalla Cina (e forse da altre destinazioni) nella maggior parte dei principali porti e aeroporti”, ha dichiarato USISPF nella lettera, vista da Reuters. “Questo invierà un segnale agghiacciante agli investitori stranieri che cercano prevedibilità e trasparenza”, ha affermato. Il ministero del commercio non ha risposto a una richiesta di commento.

I prodotti Apple, Cisco, Dell e Ford Motor Co erano tra quelli sostenuti

Due fonti del settore hanno affermato che i prodotti Apple, Cisco, Dell e Ford Motor Co erano tra quelli ostacolati. Anche i componenti elettronici della Foxconn di Taiwan, un produttore a contratto per Apple in India, sono stati colpiti, ha detto una terza fonte.

Non fu subito chiaro quali porti trattenessero la merce. Apple, Cisco e Foxconn non hanno risposto alle richieste di commento. Una portavoce della Dell ha rifiutato di commentare, mentre Ford ha dichiarato che una spedizione di ricambi auto è stata trattenuta in un porto nella città meridionale di Chennai e che la società stava fornendo le informazioni richieste dalle autorità.

Cisco

Reuters

I ritardi arrivano quando l’India sta riprendendo le operazioni di fabbrica dopo un blocco a livello nazionale per affrontare la pandemia di COVID-19. ICEA, gruppo indiano dell’industria elettronica e della telefonia mobile, ha dichiarato ai suoi membri che gli aeroporti di Chennai, Mumbai e Delhi avrebbero avuto una nuova procedura di esame per tutte le spedizioni provenienti dalla Cina.

Normalmente, le merci per gli importatori regolari vengono sdoganate automaticamente, ha affermato l’ICEA in una lettera al ministero delle finanze, esortandolo a intervenire. Il ministero delle finanze indiano, che sovrintende al dipartimento doganale, non ha risposto a una richiesta di commento.

READ  Mets cerca di trovare modi diversi per mettere Dominic Smith in fila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *