Addio a Regis Philbin: dagli spettacoli mattutini al "Millionaire", era una leggenda della televisione americana

Addio a Regis Philbin: dagli spettacoli mattutini al “Millionaire”, era una leggenda della televisione americana

LEGGI ANCHE: È morto Fred Willard, protagonista di “Beautiful” e “Modern Family”

La scomparsa di Philbin è stata annunciata dalla famiglia a “People” senza fornire ulteriori dettagli sulle cause della morte. “Siamo lieti di essere stati in grado di trascorrere del tempo con lui – hanno scritto -. Era una persona con un leggendario senso dell’umorismo e aveva la rara capacità di rendere ogni giorno memorabile.”

Nato a New York il 25 agosto 1931, Philbin si è laureato all’Università di Notre Dame prima di trascorrere due anni nella Marina americana. Dopo l’esperienza militare si è dedicato alla carriera di intrattenimento scontrandosi con i suoi genitori, profondamente contrario alla sua decisione. La sua leggenda prese forma a metà degli anni ’80, quando, dopo aver trascorso anni a dirigere spettacoli televisivi mattutini a Los Angeles, tornò a New York nel 1983. Lì ha condotto una trasmissione quasi sconosciuta per una rete locale della ABC. Nel 1985 le due donne che si unirono a lui nello spettacolo furono sostituite da Kathie Lee Gifford, in un cambiamento che ha segnato la svolta. Infatti, tre anni dopo il programma “Vivi con Regis e Kathie Lee“era conosciuto a livello nazionale. I due erano complementari.

“A volte mi innervosisce e la innervosisco” aveva confessato sorridendo Philbin. “Ma ciò che odio di più sono due direttori che sono troppo civili, troppo gentili tra loro”, ha aggiunto. Sul piccolo schermo, infatti, formicolavano, litigavano ma si divertivano e si divertivano. Nel 1999 Philpbin ha iniziato a gestire lo spettacolo su ABC in prima serata ‘Chi vuol essere milionario?‘: inizialmente doveva durare solo due settimane, ma si è rivelato un tale successo che è stato mandato in onda tre volte alla settimana.

READ  STATE ATTENTI A NON SBAGLIARE CON DYBALA

PUOI INTERESSARE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *