tutte le antenne Huawei verranno rimosse

5G

La Svezia vieta il 5G, la nazione ha deciso che Huawei e ZTE dovranno rimuovere tutte le loro antenne il prima possibile.

Il Il 5G è sempre più oggetto di divisioni e litigi, tra persone come tra esperti, e quindi anche tra politici. Per alcuni, avere una rete 5G significa semplicemente aumentare notevolmente la velocità di connessione per gli utenti che utilizzano la rete, a vantaggio dei cittadini. Avere una velocità maggiore caricare, scaricare e navigare nel web e nei suoi contenuti, sempre più ricchi e pesanti, non può che accontentare. Altri, invece, sostengono che questa tecnologia sia effettivamente molto dannosa per la salute delle persone, poiché aumenterebbe l’incidenza di tumori e tumori tra le persone. A supporto di questa tesi, vengono presi in considerazione alcuni giudizi e alcuni studi sugli effetti delle frequenze e delle onde dei telefoni cellulari che hanno colpito chi spesso telefona, con la nascita di tumori cerebrali. Anche per questo La Svezia ha vietato il 5G.

LEGGI ANCHE -> iPhone 12, dual sim 5G non funziona al lancio: sarà quindi una rivoluzione?

La Svezia vieta il 5G: tutte le antenne Huawei verranno rimosse

La Svezia è uno di quei paesi in cui Huawei e non solo stavano costruendo antenne e ripetitori per costruire una rete 5G densa e funzionante. A causa delle proteste dei cittadini, però, il governo ha deciso di fermare tutto e prendere una decisione che sarà storica. Da oggi la Svezia ha ufficialmente bandito il 5G e ha comandato Huawei e ZTE rimuovere tutte le antenne e ripetitori che erano stati costruiti fino a quel momento, interrompendo la costruzione di altri. Ora le due società hanno fino a 1 gennaio 2025 per rimuovere tutto e liberare la Svezia dal 5G.

LEGGI ANCHE -> Mania smartphone 5G: 251 milioni di pezzi entro la fine dell’anno

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *