Stati Uniti, Corte Suprema: Trump ha scelto Barrett per il NYT

WASHINGTON – Stanno piovendo conferme sulla scelta di Donald Trump per la Corte Suprema. Il New York Times riporta anche che il giudice d’appello Amy Coney Barrett sostituirà Ruth Bader Ginsburg. Dopo scomparsa di Ruth Bader Ginsburg e dopo tweet con cui Donald Trump Aveva ufficialmente preso il via la battaglia per la nomina della Corte Suprema, destinata a spaccare ulteriormente l’America alla vigilia delle elezioni presidenziali, il magnate da palcoscenico in North Carolina, aveva dato la spinta finale: “Presenterò una candidata la prossima settimana. Sarà una donna”, ha detto da Fayetteville, “con grande talento e molto brillante”.

I nomi presi in considerazione per la Corte Suprema includevano rapidamente tre donne che sono giudici della corte d’appello federale: Amy Coney Barrett, la preferita dai conservatori, Barbara Lagoa, ispanica dalla Florida e Allison Jones Rushing, precedentemente nella squadra del giudice. Clarence Thomas e Neil Gorsuch, uno dei due già nominati per il ruolo all’alta corte da Trump. Alla fine, Barrett stesso avrebbe prevalso.

Per il rivale democratico Joe Biden, la decisione di sostituzione ha dovuto attendere fino a dopo il voto. E la stessa cosa che ha chiesto Ruth Bader Ginsburg come ultimo desiderio: “La mia ultima e fervida volontà non è di essere sostituita fino a quando non ci sarà un nuovo presidente alla Casa Bianca”. Ma anche due senatori repubblicani avevano espresso la loro opposizione alla sostituzione prima del voto del 3 novembre: a Si è unita anche Susan Collins (Maine), Lisa Murkowski (Alaska).

Chi è Amy Coney Barrett

“L’ho per Ginsburg”, avrebbe detto Donald Trump nel 2018, quando Amy Coney Barrett fu considerata per sostituire il giudice Anthony Kennedy alla Corte Suprema. Poi il magnate ha preferito Brett Kavanaugh, successivamente confermato. Dopo l’ultimo addio alla campionessa dei diritti Ruth Bader Ginsburg, nella rotonda di Capitol Hill completa di un picchetto militare come non era mai successo prima per una donna, il momento di Barrett sembra essere arrivato. Trump solleverà ufficialmente il velo sulla sua scelta oggi alla Casa Bianca mentre piove conferme che sarà Barrett (salvo sorprese dell’ultimo minuto). Cattolica, 48 anni e 7 figli, Barrett è giudice della Corte d’Appello del settimo circuito di Chicago.

All’indomani della conferma alla Corte d’Appello del settimo circuito (il 31 ottobre 2017, con 55 sì e 43 no), il New York Times ha rivelato che Barrett era registrato presso l’organizzazione “People of Praise”, una sorta di setta “dove i membri si giurano fedeltà l’un l’altro” e dove viene insegnato “che il marito è il padrone delle mogli e dell’autorità nella famiglia”. Come giudice d’appello si è dimostrata relativamente cauta, forse pensando proprio alla Corte Suprema, pur confermandosi fondamentalista non solo contro l’aborto ma anche a difesa del Secondo Emendamento, che sancisce il diritto di portare armi. Linea dura anche contro l’immigrazione. Lo scorso giugno Barrett si è schierato con Trump, esprimendo in Corte d’Appello il suo dissenso sulla decisione di garantire il permesso di soggiorno (la carta verde) anche a chi richiede assistenza pubblica.

Non aveva nemmeno un anno quando il più alto organo giudiziario statunitense, nel 1973, con la storica sentenza sul caso “Roe v. Wade” sancì il diritto all’aborto negli Stati Uniti e ora Barrett, se confermato dal Senato, lo sarà chiamato a dire la sua in una Corte Suprema con il baricentro spostato a destra 6 a 3. È considerata la versione in gonna di Antonin Scalia, il giurista italo-americano tra gli interpreti più conservatori della Costituzione americana, che è deceduta nel febbraio 2016 e di cui era assistente legale e allieva. In qualità di giudice d’appello si è già pronunciata due volte contro l’aborto che considera “sempre immorale”.

“Il dogma vive forte dentro di te”, l’ha attaccata la senatrice democratica Dianne Feinstein nel 2017 durante l’udienza di conferma di Barrett alla Corte d’Appello, accusandola di essere guidata dalla sua fede cattolica nelle decisioni legali, soprattutto su questioni come l’interruzione. gravidanza e pena di morte. L’effetto immediato è stato quello di trasformarla in un’eroina di chierici conservatori, anche se ha negato l’accusa: “Non metterei mai le mie opinioni personali al di sopra della legge”.
Nato nel 1972, Barrett è originario di New Orleans, in Louisiana.

Ha frequentato un liceo femminile e poi il Rhodes College, prima di laurearsi con lode in giurisprudenza presso la Notre Dame University dove ha insegnato per 15 anni. Da studentessa nel 2012 ha scritto un “manifesto di protesta” contro la copertura sanitaria obbligatoria a carico dei datori di lavoro fornita da Obamacare anche per la pillola contraccettiva.

Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *