Pagamenti elettronici, rimborsi fino a 300 euro agli utenti della carta. E un super bonus di 3mila euro

Tremila euro di “super cashback“per i primi 100mila cittadini che ne usufruiscono di più carta di credito. Ecco la notizia che il governo si appresta a lanciare, con la Legge di Bilancio, la promozione della diffusione dell’uso della moneta elettronica nelle transazioni. Il senza soldi è un progetto centrale per il governo.

Limite di cassa, multe per chi paga o incassa oltre i 2mila euro
Piano senza contanti, estensione del programma di studi governativi a tutte le spese

“Per la modernizzazione del Paese – spiegano le fonti di Palazzo Chigi – l’obiettivo è cambiare le abitudini di pagamento dei consumatori, in linea con l’Europa, per un sistema più digitale, più veloce, più semplice e più trasparente”. Per promuovere il cashless, il governo ha stanziato 3 miliardi di euro all’anno. I partecipanti all’iniziativa beneficeranno del 10% di cashback, ovvero un rimborso del 10% degli acquisti effettuati con moneta elettronica.

Con un tetto di spesa di 3mila euro e quindi con un rimborso massimo di cashback di 300 euro (cifra che può aumentare perché a scopo precauzionale si prevede che tutti i partecipanti raggiungano la spesa massima. Se così non fosse non ci sarà più risorse che possono raccogliere (cashback oltre 300 euro); 3mila euro di super cashback, infatti, per i primi 100mila che usano di più la carta.

Conta il numero di transazioni, non il numero: 5 caffè equivalgono a 5 borse di lusso. Inoltre “50 milioni di euro in premi con la lotteria degli scontrini (solo con carta di pagamento). Con premi unici fino a 5 milioni di euro ». La decisione del Governo di rimborsare a tutti i cittadini il 10% dei pagamenti effettuati tramite credito, debito, bancomat e altri moduli elettronici su un costo annuo di € 3.000 in poi è una disposizione che non solo limiterà significativamente l’evasione fiscale, ma anche per incoraggiare micro consumi, stimolando la domanda e aiutando a riavviare l’economia.

Federturismo ne è convinto Confindustria. Ulteriore aspetto positivo del provvedimento è che il rimborso, che avverrà in due rate semestrali, di cui una estiva e l’altra a fine anno, rileva Federturismo, rappresenterà un aiuto per stimolare il turismo e favorire famiglie a lasciare le vacanze.

Ultimo aggiornamento: 12:31


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *