Miranda (exportUsa), ‘interi settori produttivi ostaggio della Cina’ – Libero Quotidiano

Roma, 2 nov. (Adnkronos) – “Ci sono due aspetti legati ai rapporti tra Pechino e Washington. Il primo ha a che fare con la sicurezza nazionale in quanto gli Stati Uniti non possono permettersi di avere una rete 5G che si basi sulla tecnologia cinese. Poi c’è. è un aspetto più commerciale, piuttosto preoccupante. Gli Stati Uniti hanno un problema di filiera. Il 40% delle materie prime nel settore farmaceutico proviene da Cina e India. Gli Stati Uniti hanno un budget enorme per la difesa ma non sono stati in grado di recuperare i materiali primo a produrre i modelli “. Lo afferma a SkyTg24 Business Lucio Miranda, presidente di ExportUSA.

Quanto ai rapporti tra Europa e Stati Uniti, aggiunge Miranda, “oggetto di contesa sono i dazi compensativi autorizzati dall’OMC per la vicenda Boeing-Airbus. Gli Stati Uniti devono ancora raccogliere 2,5 miliardi di dollari. Altro punto di attrito” ha continuato, “È la tassa sui servizi digitali. Su questo fronte, non ci saranno grandi cambiamenti tra Donald Trump e Joe Biden”.

Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *