Melania Trump pensa al divorzio

Donald Trump ha perso la Casa Bianca e ora potrebbe perdere anche sua moglie. First Lady reticente e anticonformista, Melania sta infatti pensando al divorzio. Nessuna mossa è prevista a breve: fino a gennaio l’ex modella, secondo indiscrezioni, rimarrà accanto al marito per evitare “l’ennesima umiliazione” pubblica, ma intanto lavora per definire nel dettaglio i termini della sua liberazione. “Conta i minuti …” dice l’ex consigliere della Casa Bianca Omarosa Manigault Newman. Non è un segreto che il matrimonio di Donald e Melania sia nei guai da tempo, con la coppia presidenziale che dormiva in stanze separate alla Casa Bianca mentre vivevano separatamente a casa nella Trump Tower sulla Fifth Avenue.

La First Lady in diverse occasioni ha mostrato la sua disapprovazione per il coniuge con il linguaggio del corpo e l’abbigliamento. Non ha mai nascosto la sua antipatia per Ivanka Trump, la figlia preferita del presidente, con le sue espressioni facciali. Ora, con la sconfitta alle elezioni, a Melania viene offerta quella che molti credono essere la sua vera possibilità di vita: troncare i rapporti con il clan Trump assicurandosi quel lusso a cui è da tempo abituata e garantendo un futuro di benessere per suo figlio. Barron. Melania, secondo indiscrezioni, potrebbe tornare a New York anche se non subito a gennaio. La First Lady potrebbe infatti restare a Washington fino alla fine dell’anno scolastico di Barron, rimandando all’estate il trasferimento nella Grande Mela e il ritorno alla sua normale vita di pranzi e cene con gli amici. Tuttavia, non è escluso che possa optare per Mar-a-Lago, in Florida. La decisione su dove vivere è legata all’ipotetico divorzio e su dove Trump vorrà fondare. Non è escluso che se il presidente sceglie la Florida come sua residenza, la First Lady indicherà sicuramente New York, e viceversa.

Biden, orto, raccolti e sipari al cambiamento: la Casa Bianca cambia stile (ma Trump non lascia interior designer)

All’incertezza sulla casa si aggiunge l’incertezza sui progetti futuri di Melania. La sua passione per il design potrebbe indurla a curare la biblioteca presidenziale di Trump. C’è chi ipotizza uno dei suoi libri e vede che potrebbe avere ancora più successo di quello di Michelle Obama. Una storia dei quattro anni alla Casa Bianca, con dettagli riservati anche sulla famiglia, potrebbe infatti essere impagabile per milioni di americani e incoronare quel movimento #FreeMelania che molti, anche i critici di Trump, hanno sognato e sperato da tempo.

Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *