“Io, la società ei giocatori siamo contenti della strada intrapresa. Gol subiti evitabili, ma nessuno ci mette sotto”

Antonio Conte incontra i giornalisti in una conferenza stampa alla vigilia della sfida Marassi fra Genoa e Inter. FcInterNews ti propone il testo diretto del consueto appuntamento.

Terza gara in sette giorni, come gestisci le tue energie e cosa si aspetta il Genoa?
“E ‘giusto che guardiamo a casa nostra. Stiamo cercando di gestire la situazione facendo recuperare i giocatori e preparandoci alle partite, anche perché sono tutti diversi e quindi dobbiamo unire i due, dando ai giocatori un buon recupero psicofisico. . parte stanno sempre giocando “.

Sei più preoccupato per i gol subiti o le assenze?
“Non sono preoccupato, assolutamente. La strada intrapresa è quella giusta, rende felici me, i giocatori e la società. Dobbiamo sempre affrontare la situazione a testa alta, non dando troppo peso alle assenze ea quanto ci è successo. Inoltre non sono preoccupato dal punto di vista calcistico perché stiamo giocando bene, stiamo giocando un buon calcio e raccogliamo molto meno di quello che produciamo. Spesso siamo puniti dalla nostra disattenzione che possiamo evitare ma sono contento di quello che danno i miei giocatori, l’abnegazione, la voglia, il fatto che tu creda in una certa idea. Vai avanti”.

Quale caratteristica devi recuperare per le prossime gare? Forse in termini di intensità?
“In termini di intensità nell’ultima partita siamo stati superiori ai tedeschi. Di solito contro i tedeschi si paga il dazio sul ritmo, spesso e volentieri ti devi difendere mentre ti pressano, ma anche da questo punto di vista penso che lo sia il modo giusto. Dico sempre, spesso ci lasciamo influenzare dal risultato. Sto guardando le prestazioni e finora devo essere soddisfatto di mentalità, produzione. Vedo soprattutto la soddisfazione dei miei giocatori per il fatto che giochiamo noi. Il risultato finale dipende da mille fattori. Sicuramente nelle ultime tre partite i fattori post-net e post-out sono stati negativi per noi “.

Usa il concetto di felicità. Dovremo superare qualche pareggio o troppe sconfitte per arrivarci?
“Dobbiamo dare il 110% per cercare di ottenere il risultato oltre alla prestazione. A volte capita ea volte no. Prendiamo come esempio il Liverpool che da quattro anni non vince, ora è una macchina da guerra. Hanno costruito qualcosa di importante … So per certo perché il percorso è quello intrapreso tutti insieme, che è quello giusto Chi arriva oggi da fuori vedendo l’Inter vede una struttura solida che si sta assestando a differenza degli anni precedenti. Questo ci porta felicità “.

Come stai lavorando per evitare il disagio per alcune situazioni ricorrenti? Parlo anche di positività.
“Non devo intervenire, proprio perché questo è un gruppo di giocatori per lo più uomini. La barra è dritta. Quando vedo certi atteggiamenti da parte dei giocatori non posso che essere soddisfatto, mi piace il club. Sinceramente devo farlo. Dico oggi che vedo più negatività e invece vedo tanta positività dentro, per non parlare della malattia. La società è felice “.

L’Inter segna tanto ma raccoglie anche tanto. Cosa è cambiato dall’anno scorso?
“Se andiamo a vedere quello che stiamo cercando di fare è coinvolgere tutta la rosa. È inevitabile che alcuni interpreti siano cambiati rispetto allo scorso anno, ma cerchiamo sempre di riportare gli stessi concetti. Abbiamo segnato tanti gol, potremmo ne abbiamo fatti tanti. Abbiamo subito qualche gol di troppo, alcuni molto evitabili perché ci sono state situazioni individuali che possiamo migliorare. Ma dobbiamo continuare a migliorare, c’è un aspetto positivo perché abbiamo avuto tanti assenti e tanti hanno dovuto entrare e giocare acquisendo esperienza, comprendendo alcune nuove situazioni. Continueremo a fare quello che stiamo facendo, cerchiamo di fare il gioco dall’inizio. Finora nessuna squadra ci ha dominato o è stata superiore a noi. Questo è il mentalità e dobbiamo portarla avanti perché questa è la squadra a cui tornare. per essere solidi in futuro “.

VIDEO – È ACCADUTO OGGI – 23/10/2007: CSKA-INTER 1-2, GOAL PER SAMUEL CON UNA STRANA ESULTANZA

Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *