Inter mercato, i piani per gennaio: ottimo innesto e vendita

Il calciomercato diInter si è conclusa senza squillare, fatta eccezione per l’annunciato acquisto di Matteo Darmian, che aveva già gravitato nell’orbita nerazzurra per diverse sessioni di mercato.

L’ex giocatore del Torino, pupillo di Antonio Conte che lo ha allenato in Nazionale, ha compensato la cessazione di Kwadwo Asamoah, ma non ha aggiunto soluzioni dal punto di vista numerico, mentre questo era proprio l’obiettivo del tecnico salentino in vista di una stagione dai tanti impegni.

Al momento la batteria esterna dell’Inter comprende Hakimi, Young, Kolarov e lo stesso Darmian, con D’Ambrosio chiamato a dividersi tra ala e centro della difesa e l’adattato Perisic.

Per questo Conte sembra già proiettato al mercato di gennaio, in cui all’Inter potrebbe esserci una vera rivoluzione, dentro e fuori.

Durante la fase di acquisto, gli obiettivi rispondono sempre ai nomi di Marcos Alonso ed Emerson Palmieri, entrambi al Chelsea, entrambi già allenati da Conte a Londra ed entrambi non proprietari, visto che sulla fascia sinistra il titolare promosso dall’allenatore Franck Lampard è ora diventato Chilwell.

Durante l’inverno i nerazzurri cercheranno di mantenere i rapporti con i colleghi del Chelsea nella speranza che quello tra Emerson e Alonso possa trasferirsi al Milan, magari senza dover spendere troppo proprio perché entrambi i giocatori non sono più centrali nel progetto Chelsea. e magari contando sul fatto che, da un punto di vista europeo, sia l’italo-brasiliano che lo spagnolo devono impiegare minuti per ottenere la convocazione.

I nomi sono noti anche sul fronte delle uscite. Neanche loro, infatti, fanno parte dei piani di Conte Radja Nainggolan, né Matias Vecino: l’uruguaiano è stato escluso dalla lista dei campioni, mentre il belga era in trattative per tornare al Cagliari fino alla fine del calciomercato, solo per restare in nerazzurro.

Tuttavia, la vendita più redditizia potrebbe essere quella di Christian Eriksen. Le ultime parole del danese dal ritiro della sua Nazionale (“spero di non passare un autunno in panchina”) non sono piaciute al tecnico e alla società.

Arrivato in Italia a gennaio, Eriksen è stato fatalmente colpito dalla pandemia di Coronavirus. Entrambe le parti sono pronte a darsi tempo fino a gennaio: se la situazione non si sblocca e la prestazione del giocatore non è soddisfacente, la separazione sarebbe inevitabile. Nonostante gli ultimi mesi difficili, non mancano i tifosi di Eriksen e l’Inter è fiduciosa che eviterà così una sanguinosa sconfitta.

OMNISPORT | 10-10-2020 12:25

Fonte: Getty Images

Susana Russo

Susana Russo

Ciao. Sono un Digital Copywriter. Aiuto marchi come i tuoi a creare contenuti efficaci per coinvolgere e convertire il tuo pubblico. Forti competenze SEO. Inoltre, sono un copywriter italiano creativo e concettuale. So come te l'importanza di ogni singola parola e come può fare la differenza risuonare con il bersaglio. L'ho imparato negli ultimi 8 anni di duro lavoro al servizio di aziende come Sixt, Blexr, LEAP London, Catena Media e altre. Inoltre, sono un membro freelance della Pennagrafica di Benevento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *