Germania, restrizioni più severe sulla strada. Merkel: “La Curva si stabilizza, ma lentamente”. Francia: “riconquistato il controllo dell’epidemia”

Quarantena già in caso di freddo, obbligo di maschera per tutti studenti a scuola, limitazioni a incontri tra persone di due famiglie diverse. Il governo tedesco prevede un nuovo inasprimento in tutta la Germania per fermare la diffusione del coronavirus: due settimane dopo l’entrata in vigore del blocco morbido, sono necessarie restrizioni Più forte perché le prime misure non avevano l’estensione effetti sperato che curva di infezioni. “I numeri si stanno stabilizzando. Ma troppo lentamente“: Questa mattina il cancelliere Angela Merkel ha espresso ogni preoccupazione personale al consiglio del suo partito, il Cdu. Per questo l’incontro odierno con i ministri presidenti dei Länder, che inizialmente aveva lo scopo solo di fare il punto della situazione sul semi-lockdown iniziato il 2 novembre, diventa un vertice in cui il governo federale, e la stessa Merkel, vogliono imporre a divieti di contatto più rigoroso. Nel Francia, d’altra parte, dove la chiusura totale decisa il 30 ottobre è già più rigida, ora dal ministro della Salute, Olivier Véran, arrivano i primi messaggi di ottimismo: “Abbiamo ripreso il controllo dell’epidemia”, ha spiegato. “Chiaramente, è troppo presto per gridare la vittoria e rilassare nel nostro impegno ”, ha aggiunto il ministro: il Blocco francese infatti continuerà almeno fino all’inizio di dicembre. Anche l’ottimismo viene da Gran Bretagna, dove il premier Boris Johnson – attualmente in isolamento per essere stato in contatto con un positivo – spiega che “il sistema di test e tracciamento funziona in modo più efficace” e che il Paese sta superando la seconda ondata, sullo sfondo degli effetti di blocco nazionale bis imposto Inghilterra fino al 2 dicembre.

Nuove restrizioni in Germania – Il governo federale, dopo aver imposto un blocco dal quale ha escluso il scuole ma anche io negozi (dove sono in vigore regole molto rigide), pensa ora di intervenire ulteriormente possibilità di incontri a partire dal privato. giornale southgerman, Lo specchio e Il tempo hanno rivelato ciò che il nuovo piano pensato dal cancelliere. Prima di tutto, puoi incontrarti solo tra i membri del propria famiglia e con al massimo due persone di un altro nucleo. Ci sarà anche una raccomandazione per il giovani: scegliere solo un amico da vedere nel tempo libero. Le riunioni private, d’altra parte, dovrebbero essere limitate a una sola famiglia. Vacanze, prezzi e altre opportunità per i ricongiungimenti familiari dovranno rimanere tabù almeno fino a Natale.

La limitazione della riunione seguirà la regola generale di evitare tutti i contatti non necessari. Anche per questo motivo ilobbligo di quarantena anche per coloro che hanno solo i sintomi di freddo. L’isolamento in casa durerà Da 5 a 7 giorni e può terminare solo quando i sintomi sono completamente scomparsi. Inoltre, il lasciare dal lavoro per malattia deve essere richiesta al medico di base per telefono, senza andare nel suo studio. Il medico deciderà quindi, in base ai sintomi, se prescrivere o meno un tampone.

Il governo poi vuole intervenire scuole: per ora restano aperti, ma la soluzione proposta prevede l ‘maschera obbligatoria per gli alunni di ogni età e ovviamente anche per gli insegnanti. Un obbligo che deve sempre valere anche in tutte le sedi scolastiche durante le lezioni. Inoltre, è pensato ridurre di nuovo i numeri nelle classi, dividendoli in due gruppi più piccoli. Il nuovo piano tedesco prevede anche che le persone più a rischio per Covid, quindi anziani e malati, possano ricevere da dicembre le maschere Ffp2 (più protettive) a prezzo scontato. Anche per quanto riguarda gli anziani c’è anche il consiglio di evitare di visitarli se nell’ultima settimana siete stati in contatto con tante persone.

Negli ultimi sette giorni ce ne sono stati più di 130mila nuove infezioni in Germania. La settimana precedente, la prima in blocco, il valore era 127mila. L’incidenza è di 157,5 nuove infezioni a settimana ogni 100mila abitanti. L’obiettivo del governo federale è avvicinarsi a un’incidenza di 50 positivi a settimana: solo allora, secondo Berlino, sarà nuovamente possibile tracciare contatti di persone infette e tenere sotto controllo il virus.

Gli effetti del blocco in Francia – La diminuzione del numero di nuovi casi di Covid-19 e il calo del tasso di incidenza portarci a “credere di aver superato il picco dell’epidemia”: lo ha detto il ministro francese per la prima volta dall’inizio della seconda ondata Véran. “Grazie al blocco, come a marzo – ha detto il titolare di Sanità – il virus inizia a circolare di meno per 10 giorni consecutivi, il numero di nuovi casi diminuisce, il tasso di test positivo e il tasso di incidenza diminuiscono ”. Li avevamo 27.228 i nuovi casi di positività accertati domenica in Francia (il picco era stato oltre 58mila), per un tasso di positività che continua a diminuire progressivamente ed è ora a 16,9%. “Stiamo riprendendo il controllo dell’epidemia – ha proseguito Véran – ma non lo abbiamo ancora fatto Sconfiggere il virus“. Il numero di ingressi nei reparti di cura intensiva o in terapia intensiva ha toccato ieri quota 270 in 24 ore, il più basso di 3 settimane. Nei giorni scorsi il premier Jean Castex tuttavia ha avvertito che il governo di Parigi sta lavorando “regole“Per tenere la situazione insicurezza fino all’arrivo di un vaccino: dopo la fine del blocco, previsto per ora ai primi di dicembre, inizialmente bar e ristoranti dovranno comunque rimanere chiusi.

Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *