Eugenio Gaudio si è dimesso da assessore di Calabria- Corriere.it

Sempre più caos in Calabria dove è saltato anche il nuovo assessore alla sanità scelto dal governo. È il terzo in dieci giorni dopo Cotticelli e Zuccatelli, è il turno di Eugenio Gaudio.

Non appena nominato dal Consiglio dei Ministri, Gaudio si dimette. Alla base delle dimissioni ci sarebbero “ragioni personali”. E la conferma arriva dal fratello Roberto: «Ieri si è riservato di decidere. Poi la sua nomina era scontata ma in realtà non l’aveva accettato “, sottolinea il fratello dell’ex rettore dell’università. Sapienza di Roma indagata dalla Procura della Repubblica di Catania nell’ambito delle indagini su presunte irregolarità in concorsi accademici che sarebbero state truccate. “Avevamo dei dubbi perché per lui significava lasciare la sua vita a Roma e trasferirsi qui in Calabria”, conclude Roberto Gaudio.

“E ‘il risultato della gogna mediatica, che porta le persone designate a mandare tutti in quel Paese e andare in pensione”, commenta il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo. “Non parlo tanto di Cotticelli, perché in quel caso la storia era più seria, ma Zuccatelli è stato penalizzato per una battuta, dopodiché ha deciso di mollare”. Per ora Gino Strada, nominato ieri come “consulente” di Gaudio, aspetta. A spingere per la sua nomina sono le Sardine, che scrivono sul loro profilo twitter: «Hai sbagliato tre su tre. Adesso forse ci ascolterai. E lo stesso Gino Strada, nelle ultime ore aveva confermato la sua disponibilità: «Ribadisco di aver dato al presidente del Consiglio la disponibilità a dare una mano in Calabria, ma dobbiamo ancora definire cosa e in quali termini. Sono abituato a comunicare quando faccio le cose – a volte anche dopo averle fatte – quindi mi trovo a disagio in una situazione in cui si parla di qualcosa ancora da definire. Ringrazio il Governo per la fiducia e rinnovo la disponibilità a discutere il mio ed eventuale coinvolgimento di Emergency in progetti concreti per l’emergenza sanitaria che siano di aiuto ai cittadini calabresi ».

Le critiche arrivano invece dai partiti di opposizione. “Via Cotticelli, via Zuccatelli, ora via Gaudio. Aspettiamo che vada Hope », commenta il segretario della Lega Matteo Salvini. E in una nota il presidente dei senatori aumenta la dose Andiamo Italia Anna Maria Bernini: «Dopo le dimissioni del professor Gaudio, mi chiedo cosa debba ancora succedere perché qualcuno tragga le conseguenze politiche del caos in atto sulla pelle della salute calabrese. Se la situazione non fosse seria e seria, saremmo dai comici. Tre commissari bruciati in una settimana rappresentano un mix di improvvisazione e incompetenza, tra scelte grottesche e soluzioni miracolose improbabili come quella di Gino Strada ».

17 novembre 2020 (modifica il 17 novembre 2020 | 15:22)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *