Covid, tre regioni spagnole chiudono i confini. Nuovo record in Germania: 15mila contagi. Gran Bretagna, riaperto un ospedale temporaneo

La seconda ondata diepidemia di coronavirus sta colpendo tutta l’Europa, da Svezia per Gran Bretagna, con l’OMS che segnala un allarme Aumento del 40% delle vittime del Covid-19 rispetto alla settimana precedente. Martedì, in Germania nuovo record di contagi: per la prima volta dall’inizio dell’emergenza sanitaria il Paese si è quasi registrato 15mila nuovi casi con 27 morti, come attesta il bollettino del Robert Koch Institute. Quindi il cancelliere Angela Merkel imporrà un “luce di blocco “ per un mese a partire dal 2 novembre che vedrà la chiusura di ristoranti, palestre e teatri, mentre resteranno aperte scuole e negozi. Il bilancio dei casi di coronavirus registrati nel mondo ha superato oggi la quota 44 milioni, secondo i conti della Johns Hopkins University.

Situazione molto più grave in Francia, dove sono ora registrati oltre 50mila casse al giorno: il presidente stasera alle 20 Emmanuel Macron parlerà alla nazione e potrà annunciare a lockdown totale, la prima nel Vecchio Continente in questa seconda ondata. Secondo l’emittente, il governo francese, dopo il fallimento del coprifuoco decretato due settimane fa, ha in programma un confinamento nazionale per un mese a partire dalla mezzanotte di giovedì. BFM-TV, che ha specificato che il il blocco sarà più flessibile rispetto a quella della primavera scorsa.

Sono previste anche chiusure in Spagna, ma per il momento solo a livello regionale. Lo stato di emergenza lanciato dal premier Pedro Sanchez pochi giorni fa ha dato la libertà alle regioni di chiudere i confini se necessario. Così le regioni di Madrid, Castilla la Mancha e Castiglia e Leon hanno deciso di farlo chiudere i confini fino al 9 novembre. Con questi salgono a nove le regioni della Spagna che hanno già deciso di isolarsi: Navarra, La Rioja, Aragona, Asturie, Paesi Baschi e Murcia. L ‘Andalusia sarà pronunciato nelle prossime ore e il Cantabria ha annunciato che la misura è allo studio. Oggi il Paese ha registrato quasi 20mila nuovi casi, con 168 morti.

Dati preoccupanti anche in Gran Bretagna che ha visto un balzo dei decessi, saliti a 367 ieri e 310 oggi, il numero giornaliero nettamente più alto dai tempi della prima ondata. Nuovo balzo anche di contagi: nelle ultime 24 ore si sono quasi registrati 25mila nuovi casi, 24.701 per essere precisi. Così il primo dei sei riapre i battenti ospedali temporanei istituito in aprile su iniziativa del governo di Boris Johnson. E anche lì Svezia, unico Paese al mondo a non aver mai imposto un blocco contro la pandemia, ha registrato un record di casi, 1.980 contro i 1.698 di fine giugno.

L’ondata di infezioni da Covid-19 continua Svizzera: 8.616 nuovi contagi sono stati confermati nella Confederazione Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore (135.658 in totale), il 44,8% in più rispetto a ieri (5.949). Quindi il governo ha deciso che da domani bar e ristoranti dovranno chiudere entro le 23.

Il stati Uniti hanno registrato ieri oltre 73mila casi con 985 morti. Solo nell’ultima settimana, secondo i dati riportati dalla Johns Hopkins University, le infezioni ci sono state oltre 500mila, con un picco tra il 23 e il 24 ottobre, quando i positivi confermati hanno superato quota 83mila. Nel India il numero dei decessi causati da Covid ha invece superato i 120.000, con quasi 8 milioni di contagi.

Polonia – Il numero di infetti in Polonia nelle ultime 24 ore è 18.820 persone, secondo gli ultimi dati diffusi dal ministero della Salute, mentre oggi sono 236 i morti. Secondo il ministero, ci sono ancora 7.575 posti letto liberi negli ospedali di tutto il Paese, 513 dei quali dotati anche di respiratori.

Austria – Sono stati segnalati nelle ultime 24 ore 3.394 nuovi casi del coronavirus in Austria, un record secondo il quotidiano Lo standard citando fonti del Ministero dell’Interno e della Salute. Inoltre ha registrato 22 nuovi decessi.

Grecia Nuovo record del caso del coronavirus in Grecia. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.547, più dei 1.259 del giorno precedente che erano già stati un record.

Russia – La Russia registra 16.202 nuovi casi di coronavirus e il record di 346 morti in 24 ore. I dati ufficiali riportati dall’agenzia Tass parlano di un totale di 26.935 morti dall’inizio dell’emergenza sanitaria.

Brasile – Il Brasile si sta avvicinando 158mila vittime, secondo gli ultimi aggiornamenti rilasciati ieri sera dai governi statali.
Secondo i dati sono stati registrati 530 decessi nelle ultime 24 ore, con una media mobile giornaliera di 442 vittime, in calo dell’11% rispetto alla media precedente. La media mobile, che fa la media degli ultimi sette giorni, è la più bassa dal 6 maggio. Nel frattempo, i nuovi casi confermati sono stati 29.353 e quelli accumulati da febbraio, quando è iniziata la pandemia, sono ora 5.440.903.

Memoriale al coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è a un punto morto, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Cina, dalla lezione del 2008 arriva la svolta: abbastanza immobili, solo prodotti hi tech e ad alto valore aggiunto per la crescita post Covid

Il prossimo


Articolo successivo

Francia in blocco da venerdì a dicembre 1, Macron: “Sommerso dalla seconda ondata di Covid, più micidiale”. Le scuole rimarranno aperte

Il prossimo


Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *