Coronavirus, Trump ricoverato in ospedale: “Affaticato ma di buon umore, da lì lavorerà”. Per ora, nessun trasferimento di potere a Pence

Il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump è stato ricoverato per precauzione in un ospedale militare poche ore dopo che si era diffusa la notizia della sua positività al coronavirus: era stato trasportato “in via precauzionale”, in quanto il casa Bianca, al Walter Reed Medical Center, noto come l’ospedale dei presidenti. Trump “continuerà a lavorare da lì”, ha sottolineato la portavoce Kaleygh McEnany. Un’informazione che si lega ad un’altra precisazione che la Casa Bianca ha voluto fare: non ci sarà alcun passaggio di poteri al vicepresidente Mike Pence. Il presidente “resta stanco ma di buon umore” e viene sottoposto a una terapia sperimentale di anticorpi sintetici ritenuta incoraggiante “, ha detto il suo medico personale Sean Conley, mentre alcuni media hanno riferito che ha la febbre. Anche la first lady Melania positivo al test: ha una “tosse leggera e mal di testa”. Il primo effetto sulla campagna elettorale presidenziale, programmata tra un mese esatto, è che il suo sfidante democratico, Joe Biden, sta temporaneamente rimuovendo i punti negativi sul presidente.

È stato lo stesso Trump giovedì in ritardo a informare Twitter il mondo della sua infezione, un paio d’ore dopo aver annunciato di essersi sottoposto al test insieme a Melania e di essere in quarantena in attesa dei risultati del tampone. Un controllo deciso dopo il contagio molto probabilmente contratto da Speranza Hicks, il fedelissimo consigliere che segue come un’ombra il presidente, nei giorni scorsi ovunque, anche a bordo delAir Force One.

Si tratta di una notizia scioccante che scuote l’America e immediatamente ha scosso i mercati, gettando un’ombra sulla parte finale della campagna elettorale, ora gravemente a rischio. Il presidente 74enne “è in grado di continuare a svolgere le sue funzioni senza interruzioni”, ha subito detto il suo medico personale. “È al lavoro e resterà al lavoro”, ha assicurato il capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows. I suoi sintomi sono luce – il messaggio filtrato fin dall’inizio dall’entourage del presidente – e fa sperare in una pronta ripresa. Ma nel frattempo il vicepresidente Pence, a sua volta subito testato e risultato negativo, è stato mettere in preallarme, nel caso in cui la situazione dovesse improvvisamente peggiorare. Per ora è stato confermato il suo primo e unico duello televisivo con il candidato vicepresidente Kamala Harris, mercoledì prossimo a Utah.

Inevitabilmente tutte le nomine elettorali per le prossime ore furono saltate per il momento, quando il presidente avrebbe dovuto partecipare a un evento a Trump Hotel di Washington e quindi nello stato chiave di Florida. Infatti una sospensione della campagna di rielezione che a questo punto non si sa quando e se mai potrà riprendere normalmente, a partire dalla partecipazione alla prossima dibattiti presidenziali del 15 ottobre a Miami e del 22 a Nashville. Con il leader dei senatori repubblicani, Mitch McConnell, che avanzano l’ipotesi di confronti a distanza.

Nel frattempo il casa Bianca quella tra giovedì e venerdì era una notte di angoscia e paura, per paura di scoprirne uno vero epidemia dentro. Ma con il passare delle ore la preoccupazione si è placata, con i test negativi per tutti coloro che in questi giorni sono stati vicini a Hope Hicks e alla coppia presidenziale: non solo il vicepresidente Pence e sua moglie, ma anche Ivanka Trump e suo marito Jared Kushnere i ministri della giustizia William Barr e il Tesoro Steve Mnuchin. Altrettanto negativo è Barron, il figlio quattordicenne di Paperino e Melania che vive con loro a ala est della residenza presidenziale. Positivo solo un reportet e un membro dello staff che appartiene alla parte inferiore della zona centrale.

Ma è stato anche controllato Joe Biden, che martedì sera ha condiviso la stessa tappa con il presidente nel primo duello televisivo in Ohio: il candidato democratico, 77 anni, è il risultato negativo, così come sua moglie Jill e il tuo compagno di corsa Kamala Harris. Biden, che dopo gli insulti di martedì sera ha inviato a Trump gli auguri di pronta guarigione, può quindi proseguire tranquillamente la sua campagna elettorale, che lo vede impegnato in stati chiave e in bilico come Michigan. “Non devi essere duro con il virus, ma indossa la maschera e seguire tutte le altre raccomandazioni delle autorità sanitarie ”, ha detto aprendo una riunione a Great Rapids. La positività di Trump, ha aggiunto, è un “avvertimento rinvigorente per tutti noi che dobbiamo prendere sul serio il virus”.

Stiamo ora cercando di ricostruire come sono andate le cose. Secondo alcuni resoconti dei media, citando fonti vicine alla campagna elettorale di Trump, la Casa Bianca sapeva della positività di Hicks già mercoledì sera, tanto che quel giorno di ritorno da una riunione in Minnesota l’assessore si sarebbe recato in una cabina separata delAir Force One, quindi uscendo dalla parte posteriore dell’aereo una volta arrivati ​​alla base di Andrews. Nonostante ciò, Trump non è andato immediatamente in quarantena, ma è volato nel New Jersey il giorno successivo per partecipare a un evento di raccolta fondi. Fu lì che avrebbe avuto i primi sintomi, con un raffreddore e qualche colpo di tosse. La decisione di sottoporsi al test, dunque, solo dopo essere tornati alla Casa Bianca in tarda serata. Ovviamente non era questo Sorpresa di ottobre in cui il presidente americano sperava di cambiare la sua campagna durante la corsa finale verso il 3 novembre. I prossimi giorni diranno se The Paperino sarà ancora una volta in grado di uscire da una situazione da incubo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è a un punto morto, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Bolsonaro fa firmare al suo cane la legge sugli abusi sugli animali (ma Nestor non sembra entusiasta)

Il prossimo


Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *