Coronavirus nel mondo: contagi, aggiornamenti e tutte le novità sulla situazione

Ci sono quasi 35 milioni di casi di coronavirus nel mondo, oltre un milione di morti. Gli Stati Uniti, dove il Il presidente Donald Trump è in ospedale per Covid, resta il Paese più colpito con 7,3 milioni di contagi ma preoccupante la situazione in India, dove si contano 6,5 milioni di contagi e oltre 100mila morti.


La situazione nel mondo: grafici e mappe
La cronologia

Parigi sta peggiorando, verso la chiusura del bar

Già questa sera il ministro della Salute francese Olivier Véran, potrebbe annunciare la chiusura dei bar a Parigi da domani mentre i ristoranti sperano di sfuggire a questo provvedimento all’ultimo minuto con un protocollo più rigido di accoglienza dei clienti. L’inversione di tendenza che il ministro aveva detto di sperare di vedere nei giorni scorsi per impedire a Parigi e all’Ile-de-France di scivolare da una zona rossa a un’area di massima allerta sanitaria, come Marsiglia e Aix-en-Provence.

Gli ultimi dati mostrano che la curva di crescita dei contagi non si è assestata, con quasi 17mila casi positivi nelle ultime 24 ore, un record. L’evidente peggioramento della situazione sanitaria emerge anche da una nota inviata dalle autorità sanitarie degli ospedali parigini ai responsabili delle Risorse Umane, in cui l’annullamento delle ferie previste dal personale medico e infermieristico per le ferie di Ognissanti, in la seconda metà di ottobre, è richiesta.

A Parigi, i bar sono già stati costretti a chiudere alle 22 per una settimana. I ristoranti hanno proposto di restare aperti in cambio di controlli sanitari rafforzati, con misurazione della temperatura per i clienti, limite dei gruppi al tavolo a 8 persone, raccolta dei nomi e degli indirizzi di tutti i clienti presenti. Il Consiglio Scientifico che sostiene il governo nelle decisioni darà un parere entro domani.

Israele, 38 arresti per dimostrazioni anti-blocco

In Israele cresce l’anti protesta Netanyahu: ieri sera, al termine del riposo sabbatico, sono state oltre 350 le “piccole” manifestazioni in tutto il Paese contro la politica del premier alle quali, secondo gli organizzatori, hanno preso parte circa 100mila persone. Manifestazioni, tra cui la più grande a Tel Aviv e anche quella a Gerusalemme nei pressi della residenza ufficiale di Netanyahu, che si sono svolte tutte secondo le nuove normative anti Covid che impongono numeri ridotti, distanze e l’uso di maschere.


Regole che – insieme alla politica complessiva del governo sul coronavirus e agli eventi giudiziari del premier – sono uno dei punti più contestati dai manifestanti. A Tel Aviv, la polizia ha detto di aver arrestato 38 manifestanti nel corso degli incidenti, quindi rilasciata. Gli organizzatori hanno denunciato che in alcune manifestazioni i partecipanti sono stati aggrediti dai sostenitori del premier e hanno dovuto ricorrere alle cure mediche.

Gb, Johnson: “Anche il Natale sarà accidentato”

La Gran Bretagna ha registrato quasi 13mila nuovi contagi e 49 decessi per Covid 19. Dall’inizio della pandemia il numero totale dei casi è di oltre 480mila, mentre i decessi sono stati finora oltre 42.300. Il premier britannico Boris Johnson ha avvertito: sarà un Natale “irregolare”. Intervistato da BbcJohnson ha detto: “Capisco la stanchezza che le persone provano”. Cittadini “Sono arrabbiati con me e con il governo”, dice. “Devo dirtelo, in tutta franchezza, continuerà ad essere irregolare fino a Natale, potrebbe essere irregolare anche oltre. Ma è l’unico modo per farlo.” Per il premier, tuttavia, le cose potrebbero essere “significativamente diverse” entro Natale e gli scienziati dicono che potrebbe essere “significativamente diverso” entro la primavera. “Quello che spero e credo fermamente è che nelle prossime settimane e mesi l’equazione scientifica cambierà, che si tratti di vaccini o test.

Germania, oltre 300mila contagi

Sono oltre 300mila le infezioni da coronavirus in Germania, 9.500 morti dall’inizio della pandemia.

USA, le infezioni nello Stato di New York ricominciano a crescere

Il numero giornaliero di nuovi casi confermati di coronavirus nello Stato di New York continua a crescere. Lo stato ha riferito sabato che venerdì ci sono state più di 1.700 nuove infezioni confermate, in leggero aumento rispetto al giorno prima, con dati non registrati da maggio. Alcuni dei luoghi con il maggior numero di infezioni includono il quartiere di Brooklyn, New York City, dove più di 350 persone sono risultate positive, e la periferia di Rockland County, che ha visto almeno 120 nuovi casi.

Tramite restrizioni, i pellegrini tornano alla Mecca

India, quasi 76mila casi in 24 ore

L’India ha registrato 75.929 casi nelle ultime 24 ore, ieri aveva superato i 100mila morti. Il ministero della Salute indiano ha confermato il numero totale di infezioni a oltre 6,5 milioni dall’inizio della pandemia, e ha annunciato che le morti per Covid-19 sono almeno 101.781. L’India ha il più alto numero di casi giornalieri a livello globale, ma con un tasso di recupero superiore all’83%. Il numero di persone guarite supera i 5,5 milioni, ha detto il ministero della Salute.

Russia, oltre 10mila nuovi contagi

Le infezioni in Russia sono in aumento: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 10.500 nuovi casi di Covid-19. Si tratta del dato più alto dallo scorso 15 maggio, quando l’epidemia era al massimo nel Paese e il blocco era ancora in vigore. Rispetto a ieri si contano anche 107 vittime in più, per un bilancio complessivo di oltre 21mila morti.

Brasile, quasi 600 morti in un giorno

Il Brasile ha registrato 599 nuovi decessi per coronavirus e 26.310 nuovi casi confermati sabato, ha detto il ministero della salute. Il Brasile ha ora un totale di 145.987 morti per il coronavirus e 4.906.833 casi confermati. I casi di coronavirus confermati da Mexicòs sono saliti a 757.953 sabato, secondo il ministero della Salute, con un numero totale di morti segnalate di 78.880. Le autorità hanno segnalato 4.863 nuovi casi e 388 decessi, ma i dati effettivi sono probabilmente significativamente più alti a causa dei test limitati

Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *