Coronavirus, i contagi continuano a crescere: sono 2.844 in 24 ore con 118mila tamponi. Non era successo dalla fine di aprile. 27 altre vittime

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella di posta.

Nuovo picco di contagi negli ultimi mesi in Italia. Ne parla l’ultimo bollettino diffuso dal ministero della Salute 2.844 nuovi casi nelle ultime 24 ore. Un numero così alto non si era verificato dallo scorso 24 aprile, quando sono state registrate 3.021 infezioni in un giorno. La curva si alza nonostante il lieve calo degli assorbenti interni, 118.932 quelli effettuati, circa 1.300 in meno. Cresce anche, anche se leggermente il numero di nuove vittime: 27 in un giorno, per un totale di 35.968 dall’inizio dell’emergenza.

I dati tornano ai periodi della piena fase di emergenza, ma con un quadro geografico diverso: in cima alla classifica delle Regioni più colpite nelle ultime ore c’è Campania (+401), seguite da Lombardia (+393) e Piemonte (+279). Attualmente sono 55.566 i positivi al Covid 19 in tutta Italia, ma fortunatamente la maggior parte dei nuovi pazienti non è ricoverata: sono 1.503 persone in più infettate in isolamento a casa (52.064) mentre il numero dei posti occupati in terapia intensiva (297, +3) e nei reparti ordinari (3.205, + 63) è leggermente aumentato. Io invece sono 1.247 persone guarite dalla malattia nell’ultimo giorno, con il numero totale dall’inizio della pandemia che sale a 231.217.

Sono dati che preoccupano anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Non posso tacere la preoccupazione per l’aumento del ritmo del contagio pandemico e per le vittime che continuiamo a registrare giorno per giorno”, ha commentato il capo dello Stato. Il ministero dell’Interno, di fronte alla crescita degli aspetti positivi, ha fatto sapere di essere pronto a fornire ulteriore supporto con attività straordinarie e se servirà l’aiuto dell’esercito. E nuove precauzioni sono già in arrivo: dall’obbligo di mascherine da esterno su tutto il territorio nazionale a possibili limitazioni sugli orari di chiusura di pub e ristoranti, fino alle rigide regole sulla quota di presenze in strutture sportive e ricreative come teatri e cinema anche se il presidente di Anica Francesco Rutelli, afferma che “il governo ci ha assicurato che al momento questo non è all’ordine del giorno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è a un punto morto, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Maltempo, due morti tra Valle d’Aosta e Piemonte. 21 dei 22 dispersi sono stati trovati. Danni e disagi in Liguria. I governatori Cirio e Toti chiedono uno stato di calamità – IN DIRETTA

Il prossimo


Articolo successivo

Maltempo, il sindaco di Limone Piemonte: “Situazione catastrofica”. Ormea (Cuneo): “Isolata, nessun soccorritore”

Il prossimo


Barbara Matro

Barbara Matro

Linguista esperto e professionista della comunicazione con esperienza pluriennale lavorando su progetti di copywriting, transcreation, implementazione creativa e localizzazione per una vasta gamma di clienti e agenzie globali. Pensatore creativo, creativo e comprovata esperienza di lavoro sotto pressione con scadenze strette per soddisfare le aspettative del cliente e superarle. Spinto dallo spirito imprenditoriale, dallo scopo e dalla mentalità creativa per anticipare le esigenze del cliente e elaborare strategie personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *